martedì, Dicembre 1, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home Articoli Nel Regno Unito il contenzioso costa alle aziende 48 miliardi di euro...

Nel Regno Unito il contenzioso costa alle aziende 48 miliardi di euro all’anno

Luigi Cominelli
E' ricercatore presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano, e insegna sociologia del diritto e sociologia della pubblica amministrazione presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi dell’Insubria. È autore di numerosi articoli e saggi sulla risoluzione delle dispute e di un libro sul Mediatore europeo (Giuffrè 2005). Nel 2004 è stato visiting fellow presso il Program on Negotiation - Harvard Law School e presso l’Università di Wollongong – NSW, Australia. È attualmente Segretario generale e membro del Board dell’ISA-Research Committee on Sociology of Law, nonché componente del Collegio dei docenti del R. Treves International Phd Programme in Law and Society. Tra i suoi interessi di ricerca principali vi sono la mediazione, i metodi di risoluzione alternativa delle dispute, gli ombudsman e la negoziazione.
Print Friendly, PDF & Email

Trentatre miliardi di sterline, quasi quarantotto miliardi di euro ogni anno. Questi sono i costi complessivi che le imprese del Regno Unito sostengono ogni anno per il contenzioso. Una cifra che da sola vale metà  della spesa sanitaria, o il prodotto interno lordo di un paese sviluppato di medie dimensioni.

I risultati dello studio presentato dal CEDR durante l’ultimo meeting della Confindustria britannica non hanno mancato di suscitare scalpore. La ricerca è stata condotta attraverso un’inchiesta che ha coinvolto oltre 600 aziende del Regno Unito. Gli oneri stimati comprendono non solo le spese legali, ma anche i risarcimenti a carico delle imprese. I costi legali sono stati ricavati dai dati dell’ufficio nazionale statistiche e dal fatturato degli studi legali.

Non è solo la cifra complessiva a stupire. La ricerca ha ricavato altri dati interessanti. L’80% delle liti rischia di avere un significativo impatto sulla competitività  dell’azienda. Inoltre, i manager non si sentono a loro agio nelle situazioni di conflitto: solo il 37% dei dirigenti intervistati ha risposto di sentirsi preparato a sufficienza per affrontare una controversia commerciale. Una controversia del valore di un milione di sterline impegna il management dell’azienda in media per tre anni. In un contenzioso di questo tipo, i giorni lavorativi impegnati sono 172 per l’ufficio legale, 430 per i manager direttamente coinvolti nella controversia e 259 per gli altri manager.

I problemi che derivano dal contenzioso non si fermano qui, e comprendono tra gli altri: i danni alla reputazione dell’impresa, il peggioramento del morale aziendale, il deterioramento delle relazioni commerciali, la perdita dei clienti e l’alto turnover tra i dipendenti.

Il deterioramento delle relazioni commerciali e l’esposizione al pubblico sono le conseguenze negative citate più frequentemente. Karl Mackie, direttore del CEDR, riconosce che il conflitto fa comunque parte degli affari, e che quello che fa la differenza è come lo si affronta. Una buona gestione del conflitto consente di risparmiare soldi e tempo, e una sostanziosa fetta di questi costi potrebbe essere evitata considerando in maniera più accorta le possibili alternative al giudizio.

Luigi Cominelli
Conflict is costing business
£33 billion every year –
da cedr.org.uk

 

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome