sabato, Dicembre 5, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home Articoli Conciliazione e confidenzialità : la Corte Suprema del New Jersey riconosce l'obbligo di...

Conciliazione e confidenzialità : la Corte Suprema del New Jersey riconosce l’obbligo di riservatezza

Rachele Neferteri Gabellini
Avvocato specializzato in materia di risoluzione delle controversie civili, commerciali e del lavoro, dopo aver acquisito esperienza presso lo Studio Legale Baker&McKenzie (2004 – 2009) nelle sedi di Roma e Londra, da luglio 2009 è Case Management Coordinator di ADR Center S.p.A. e mediatore accreditato ai sensi del D. Lgs. n. 5/2003. Dal 2003 ha assistito a numerose mediazioni internazionali sia in Italia presso ADR Center che negli Stati Uniti presso la sede di New York di JAMS. Nel marzo 2010 ha conseguito con successo presso l’Università Queen Mary di Londra il “Diploma in International Commercial Arbitration and ADR” ed è intervenuta in qualità di docente in numerosi corsi e workshop di approfondimento in materia di mediazione sia in Italia che all’estero, tra cui l’Università LUISS di Roma, l’IPR Desk di Istanbul e Università di Ankara. Sin dal 2003 è autrice di numerosi articoli in materia di mediazione pubblicati sulla rivista online “Soluzioni” di Mondo ADR. Ha partecipato alla edizione del 2003 del corso Making and Saving Deals al termine del quale ha ottenuto la scholarship presso il dipartimento di arbitrato e litigation di CameronMcKenna a Londra. Nell’ultimo anno ha collaborato e partecipato con ADR Center S.p.A. all’organizzazione di corsi di formazione per i maggiori studi legali internazionali. Fa parte del Comitato Giustizia del Centro Studi del Club Lions International, distretto 108L ed è membro di ArbIt (Italian forum for Arbitration and ADR).
Print Friendly, PDF & Email

 

Lo scorso luglio la Corte Suprema del New Jersey ha applicato per la prima volta il principio di confidenzialità  previsto dall’Uniform Mediation Act (UMA). Secondo la pronuncia, le informazioni scambiate durante il procedimento di conciliazione devono rimanere confidenziali, a meno che la necessità  di rivelarle in giudizio non sia così pressante da superare in modo sostanziale i vantaggi che derivano dalla confidenzialità  del procedimento (State of New Jersey contro Carl Williams, n. A-61-04).

 

Nel caso di specie, la Corte Suprema del New Jersey ha stabilito che il vantaggio del convenuto a citare il conciliatore come teste in un processo penale non è di per sè sufficiente a derogare il vincolo di confidenzialità  che protegge la conciliazione. L’opportunità  di una deroga deve essere valutata nel caso concreto, con riguardo alla gravità  dell’imputazione e all’importanza della testimonianza.

La Corte Suprema del New Jersey ha stabilito alcuni punti che rappresentano una delle prime autorevoli applicazioni dell’UMA: 1. L’Uniform Mediation Act garantisce in via generale ai conciliatori, alle parti e a tutti i partecipanti al procedimento di conciliazione il diritto di non testimoniare sulle informazioni acquisite nel corso del procedimento e di impedire ad altri di poterle rivelare in un eventuale giudizio. 2. I principi dettati dall’Uniform Mediation Act sono pienamente condivisibili e forniscono un appropriato strumento analitico per determinare l’effettiva necessità  di tutelare l’interesse del convenuto nel caso concreto, consentendo in alcuni casi di utilizzare ai fini della prova anche la testimonianza del conciliatore a discapito del suo diritto-dovere di non testimoniare. L’onere di dimostrare la sussistenza di tali presupposti incombe sul convenuto.

Questa pronuncia è la prima emessa dalla Corte Suprema di uno Stato sul tema della riservatezza nella conciliazione, e per un certo tempo potrebbe anche restare l’unica. La sentenza rappresenta, dunque, un punto di riferimento fondamentale, e potrebbe sensibilizzare tutti i tribunali sul problema.

Rachele Neferteri Gabellini 

 

 

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome