domenica, Novembre 29, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home ADR NEWS Più slancio alla conciliazione con l'emendamento Benevenuto-Buemi al disegno di legge sulla...

Più slancio alla conciliazione con l’emendamento Benevenuto-Buemi al disegno di legge sulla competitività 

Redazione MondoADR
100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.
Print Friendly, PDF & Email

Approvato a luglio dalla Camera l’emendamento Benevenuto-Buemi al disegno di legge sulla competitività  (A.C. 5736).

Fra le novità  di rilievo l’art. 27 bis che estende la conciliazione stragiudiziale (prevista dal D. Lgs. 5/2003) a tutte le controversie civili e commerciali vertenti su diritti disponibili, comprese quelle che hanno natura internazionale.

Si tratta evidentemente di un ragguardevole riconoscimento per questo procedimento, invocato all’interno di un disegno di legge la cui finalità  è di rilanciare la competitività  delle aziende italiane.

In altre parole, il legislatore esplicitamente riconosce alla conciliazione il valore di strumento idoneo per aiutare le parti in causa a risolvere la propria controversia in maniera veloce e con il contenimento dei costi e dei tempi

La parola adesso spetta al Senato. Non va tuttavia dimenticato che, nonostante questo importantissimo passo in avanti del legislatore, rimane comunque un requisito imprescindibile l’inserimento della clausola di conciliazione nei contratti e negli statuti delle società . Perchè prevenire una controversia è l’unico metodo valido per potere arginare con successo potenziali situazioni di disaccordo.

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome