domenica, Novembre 29, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home ADR NEWS Mai più "judge" davanti al nome del mediatore

Mai più “judge” davanti al nome del mediatore

Redazione Soluzioni ADR
100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.
Print Friendly, PDF & Email

Il fatto di avere alle spalle anni di onorata carriera in tribunale come giudice non può determinare una supposta superiorità del mediatore nella conduzione della procedura conciliativa. La mediazione non è un processo, il mediatore non deve agire come un giudice. E’ questo il forte messaggio che la Corte Suprema della Florida attraverso il Comitato sulle Regole e Politiche inerenti la Risoluzione Alternativa delle Controversie ha voluto dare emendando “The Florida Rules For Certified And Court-Apponted Mediators”.  Un messaggio in controtendenza, se si pensa che negli Stati Uniti quasi tutti i mediatori sono ex giudici in pensione.
La riforma del regolamento de quo è frutto di un attento lavoro di revisione messo in atto dal Comitato per garantire l’indipendenza ed evidenziare la “diversità” della procedura di mediazione rispetto al procedimento ordinario. Ma c’è di più. Il regolamento, così emendato, redarguisce i magistrati in quiescenza dall’usare il titolo di “giudice” quando operano come mediatori, vietando loro di menzionare la loro pregressa attività giudiziale durante la mediazione. Il Comitato della Corte Suprema, nel sostenere tale decisione, ha chiarito come i giudici in pensione non debbano usare il prestigio derivante dalla loro carriera giudiziale per i propri interessi privati. In linea con questa politica, il regolamento prevede che ogni riferimento, sia durante la procedura di mediazione che nella promozione della stessa, ad una supposta superiorità o maggiore competenza degli ex giudici come mediatori a ragione di una loro pregressa esperienza nelle corti sia da considerarsi assolutamente inappropriato. Si tratta di una riforma importante che tocca il cuore della tradizione americana e che spiana la strada ad un affrancamento della mediazione da una forma di reverenza, a volte troppo palesata, nei confronti delle toghe.

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome