martedì, Novembre 24, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home ADR NEWS Uniform Mediation Act. L'appendice integrativa al vaglio del National Conference of Commissioners...

Uniform Mediation Act. L’appendice integrativa al vaglio del National Conference of Commissioners on Uniform State Laws

Redazione MondoADR
100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.
Print Friendly, PDF & Email

Agli inizi di agosto la National Conference of Commissioners on Uniform State Laws valuterà  se adottare o meno l’appendice internazionale integrativa all’Uniform Mediation Act (UMA), la cui versione definitiva è stata redatta in questi giorni.

Tale documento, volto ad ampliare l’efficacia nazionale dell’UMA relativamente alle procedure di conciliazione nel commercio internazionale, riprende la legge modello delle Nazioni Unite sulla conciliazione commerciale. Entrambe le leggi, infatti, sebbene con approcci diversi, mirano a garantire la riservatezza delle informazioni scambiate durante la conciliazione. L’UMA riconosce alle parti un “legal privilege”, ossia il diritto di rifiutare in procedimenti successivi la rivelazione di comunicazioni fatte durante la conciliazione;la legge modello delle Nazioni Unite invece proibisce l’uso delle dichiarazioni o documenti in un eventuale contenzioso legale.

L’appendice proposta permette alle parti di scegliere se aderire al formula del “privilege”dettato dall’UMA o a quella della legge modello. Tuttavia, in caso di conflitto, prevalgono le regole poste dall’UMA.

In aggiunta, l’UMA tutela tutte le dichiarazioni rese dai conciliatori, mentre la legge modello solo le loro proposte.

Secondo il gruppo di lavoro, l’obiettivo principale dell’appendice è quello di incoraggiare il ricorso alla conciliazione tra parti di diversa nazionalità , riconfermando il principio della riservatezza già  dettato dall’UMA.

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome