martedì, Novembre 24, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home ADR NEWS La situazione della conciliazione in Italia è sul Negotiation Journal di Harvard

La situazione della conciliazione in Italia è sul Negotiation Journal di Harvard

Redazione MondoADR
100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.
Print Friendly, PDF & Email

È in uscita sul prestigioso Negotiation Journal dell’Università  di Harvard un articolo sulla situazione della conciliazione in Italia a firma del presidente di ADR Center, Giuseppe De Palo, e di Penelope Harley dell’Università  di Hamline.

L’Italia è il più attivo fra i paesi che hanno adottato un approccio “legale”alla conciliazione (appartengono a questo gruppo anche Francia, Germania, Spagna e Grecia). Negli ultimi 15 anni si sono susseguiti numerosi interventi legislativi che hanno introdotto la conciliazione in diversi settori. Però la conciliazione stenta ancora a decollare.

Secondo De Palo e Harley, il problema principale è che in Italia le iniziative legislative sono cadute in un vuoto “culturale”. Un’inchiesta condotta nel 2004 dall’International Institute for Conflict Prevention and Resolution (CPR), ha mostrato che nel nostro paese la percentuale degli avvocati che conoscono e consigliano la conciliazione ai propri clienti è decisamente bassa. Solo il 5% degli avvocati suggerisce alle aziende di rivolgersi a un conciliatore prima di andare in arbitrato o in giudizio. Solo il 20% delle aziende inseriscono abitualmente nei loro contratti clausole di ADR.

Il trend sta, però, cambiando proprio in questi ultimi anni. I segnali sono ancora molto timidi, ma è evidente che oggi molte grandi aziende stanno iniziando a fare un uso più sistematico della conciliazione. Il numero dei procedimenti di ADR sta, difatti, crescendo a ritmi finalmente soddisfacenti, anche se in termini assoluti rimane ancora basso. Mancano interventi legislativi più organici e soprattutto una vera cultura della conciliazione, che in ultima analisi è affidata alla capacità  di innovazione e all’iniziativa dei professionisti del diritto.

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome