mercoledì, Dicembre 2, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home ADR NEWS Il Mississippi pensa all'ADR per il danno extracontrattuale

Il Mississippi pensa all’ADR per il danno extracontrattuale

Redazione MondoADR
100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.
Print Friendly, PDF & Email

L’assemblea legislativa del Mississippi sta esaminando una proposta che richiederebbe l’esperimento di un tentativo obbligatorio di conciliazione per le cause di risarcimento dei danni derivanti da illeciti extracontrattuali, e in particolare per le lesioni personali. Fino ad oggi, altre proposte in questo senso non erano mai arrivate alla conclusione dell’iter.

Secondo Sid Davis, avvocato e conciliatore attualmente presidente della sezione ADR dell’Ordine degli avocati del Mississippi, l’approvazione della legge rischierà ancora di essere osteggiata prima del voto.

Il testo della proposta prevede che il tentativo di conciliazione venga esperito preliminarmente alla citazione in giudizio. Durante il procedimento di conciliazione la prescrizione dei diritti sarà sospesa.

I conciliatori saranno scelti da una lista creata appositamente dall’Ordine, composta da avvocati che pratichino da almeno 5 anni. Se il tentativo di conciliazione precontenzioso non avrà esito positivo, l’attore potrà iniziare l’azione in giudizio una volta che siano trascorsi 90 giorni. Nel corso del giudizio non è però escluso che si possa tentare nuovamente la conciliazione, sia per iniziativa delle parti che del giudice.

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome