lunedì, Aprile 19, 2021

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Home ADR NEWS Alfano conferma l'obbligatorietà del tentativo di mediazione

Alfano conferma l’obbligatorietà del tentativo di mediazione

100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.

Roma, Auditorium Parco della Musica. A poco più di un anno dall’entrata in vigore del decreto legislativo 28/2010 e a due mesi dall’introduzione della mediazione come condizione di procedibilità per molte delle controversie in materia civile, rappresentanti del mondo giuridico, professionale ed imprenditoriale del Paese si sono incontrati per discutere implicazioni e primi risultati della nuova disciplina della mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali al convegno-dibattito dal titolo Mediazione: fra efficienza e competitività.

Ad aprire i lavori, i messaggi del vice presidente del Parlamento Europeo Diana Wallis e del vice presidente della Commissione Europea Viviane Reding. Nel pomeriggio l’intervento del ministro della Giustizia Angelino Alfano. Hanno partecipato, fra gli altri, il presidente emerito della Corte Costituzionale Cesare Mirabelli, il presidente del Consiglio Nazionale Forense Guido Alpa e il presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati Luca Palamara. Per il ministero della Giustizia, il capo dell’Ufficio Legislativo Augusta Iannini, il responsabile della Direzione Statistica Fabio Bartolomeo, il direttore generale della Giustizia Civile Maria Teresa Saragnano e il magistrato addetto all’Ufficio III della Giustizia Civile Giancarlo Triscari.

Sul sito del MInistero della Giustizia il resoconto della giornata di lavori.  

5 Commenti

  1. Il tentativo obbligatorio costituisce la spinta necessaria per far partire la macchina della mediazione. Poi la mediazione potrà anche essere volontaria.

  2. Io c’ero. Sono orgoglioso di dirlo che è stato un piacere sentire il Ministro Alfano parlare chiaro a tutti. Ha “tuonato” NON VI ADAGIATE SUGLI ALLORI DELLA OBBLIGATORIETA’ DELL’AZIONE MA SULLA QUALITA’ DEL SERVIZIO.
    Perciò cari Colleghi: “…a buon intenditore…poche parole…”
    Saluti a tutti e merito ad ADR per la bella iniziativa.
    BRAVI. Continuate pure così. Quanto più se ne parla più sconfiggiamole “male parole” del Sig. De Tilla e Compagni. Parlano senza sapere di cosa.
    Che belle figura ha fatto il loro Presidente Guido Alpa. Sembrava che non avesse neanche letto il D.Lgs. 28/2010 senza parlare della sicura “malafede” che traspariva sufficientemente dalle sue parole.

  3. Al Giano bifronte Alpa (il quale caldeggia insieme al de tilla) sostiene l’abolizione dell’obbligatorietà della mediazione diciamo basta! siamo stufi di questi dinosauri che rappresentano solo la logica oligarchica dei grandi studi Legali ed affermano falsamente di rappresentare gli interessi dei cittadini. Basta menzogne! Informiamo la cittadinanza!

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome