venerdì, Novembre 27, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home ADR NEWS Via libera alla risoluzione alternativa delle controversie per i reclami nel campo...

Via libera alla risoluzione alternativa delle controversie per i reclami nel campo dei servizi Internet nel Regno Unito

Redazione MondoADR
100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.
Print Friendly, PDF & Email

La British Agency, responsabile per la vigilanza sull’industria delle telecomunicazioni, ha approvato il 19 novembre scorso un nuovo sistema di risoluzione alternativa per le controversie relative ai reclami dei consumatori per i servizi forniti su Internet.

Il nuovo sistema di ADR, adottato dall’ufficio delle telecomunicazioni (Oftel) e denominato “Communications and Internet Services Adjudication Scheme”(CISAS), è stato proposto dalla Internet Service Providers Association (ISPA) e dalle compagnie associate fra cui T-Mobile, Telewest e Orange.

In conformità  con quanto asserito dall’ISPA, i clienti che non vedranno soddisfatte le proprie richieste direttamente dal loro fornitore, entro tre mesi potranno utilizzare il nuovo sistema, che è entrato in vigore dal 9 dicembre 2003. I reclami saranno quindi ascoltati da un “giudice indipendente”, e i casi saranno decisi sulla base di difese scritte senza discussione orale. L’ISPA afferma che il servizio sarà  gratuito. Qualora il giudice indipendente accolga il reclamo, egli potrà  chiedere ad un membro dell’ISPA di risolvere la controversia con delle scuse formali, fornendo al cliente le spiegazioni opportune, sostituendo il prodotto o il servizio o pagando al cliente un indennizzo che potrà  arrivare fino a 5.000 sterline.

La legge britannica in materia di telecomunicazioni prescrive che gli Internet Service Providers (ISPs) e le altre compagnie di telecomunicazioni garantiscano ai clienti la possibilità  di accedere ai procedimenti di risoluzione alternativa delle controversie.

Secondo quanto affermato dall’Oftel, il nuovo sistema risponde alle richieste di fornire “un servizio gratuito, indipendente ed efficace”ai consumatori per risolvere le questioni relative ai reclami che non si sono potuti risolvere direttamente attraverso il fornitore del servizio di telecomunicazioni.

Il Direttore Generale delle Telecomunicazioni David Edmonds ha affermato di essere “grato che i fornitori di servizi di telecomunicazioni abbiano sviluppato un modello indipendente che aiuti i consumatori a risolvere le controversie”

L’ISPA è stato fondato nel 1995 come associazione commerciale per rappresentare i fornitori di servizi Internet nel Regno Unito.

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome