venerdì, Novembre 27, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home Articoli Sistemi intelligenti per il divorzio e la separazione

Sistemi intelligenti per il divorzio e la separazione

Rachele Neferteri Gabellini
Avvocato specializzato in materia di risoluzione delle controversie civili, commerciali e del lavoro, dopo aver acquisito esperienza presso lo Studio Legale Baker&McKenzie (2004 – 2009) nelle sedi di Roma e Londra, da luglio 2009 è Case Management Coordinator di ADR Center S.p.A. e mediatore accreditato ai sensi del D. Lgs. n. 5/2003. Dal 2003 ha assistito a numerose mediazioni internazionali sia in Italia presso ADR Center che negli Stati Uniti presso la sede di New York di JAMS. Nel marzo 2010 ha conseguito con successo presso l’Università Queen Mary di Londra il “Diploma in International Commercial Arbitration and ADR” ed è intervenuta in qualità di docente in numerosi corsi e workshop di approfondimento in materia di mediazione sia in Italia che all’estero, tra cui l’Università LUISS di Roma, l’IPR Desk di Istanbul e Università di Ankara. Sin dal 2003 è autrice di numerosi articoli in materia di mediazione pubblicati sulla rivista online “Soluzioni” di Mondo ADR. Ha partecipato alla edizione del 2003 del corso Making and Saving Deals al termine del quale ha ottenuto la scholarship presso il dipartimento di arbitrato e litigation di CameronMcKenna a Londra. Nell’ultimo anno ha collaborato e partecipato con ADR Center S.p.A. all’organizzazione di corsi di formazione per i maggiori studi legali internazionali. Fa parte del Comitato Giustizia del Centro Studi del Club Lions International, distretto 108L ed è membro di ArbIt (Italian forum for Arbitration and ADR).
Print Friendly, PDF & Email

Durante una separazione o un divorzio i coniugi sono disposti a spendere una fortuna pur di ottenere la proprietà  di un immobile o la custodia dei figli. Lei vuole il gatto e lo vuole anche lui. Lui vuole la macchina e così anche lei. Entrambi vogliono tenere i bambini. Per ripicca o per orgoglio, situazioni simili sono all’ordine del giorno.

Il nuovo programma Family Winner potrebbe portare grandi novità  nella risoluzione delle controversie in materia familiare. Il programma è stato ideato dal professor John Zeleznikow e da Emilia Bellucci, docenti di informatica presso la Victoria University, ed è stato appositamente realizzato per gestire i conflitti e aiutare le ex-coppie a razionalizzare i propri interessi.

Alle parti viene chiesto di stilare una lista nella quale inserire in ordine di importanza le proprie richieste. Ad ogni richiesta è assegnato un valore numerico, e l’insieme delle richieste deve raggiungere un punteggio totale di 100. In questo modo il programma è in grado di individuare con una buona precisione i trade-offs che ciascuno dei coniugi sarà  disposto ad accettare. L’unico problema insormontabile si verrebbe a creare solo nel caso in cui entrambi attribuissero tutti i punti a disposizione alla medesima richiesta (ad esempio alla custodia dei figli), ma in genere le posizioni non sono mai così nette. Family Winner dovrebbe essere utilizzato nei consultori familiari australiani come metodo di risoluzione delle dispute alternativo al giudizio.

Un altro programma per la gestione delle controversie familiari è Split-Up. È stato realizzato da Andrew Stranieri dell’Università  di Ballarat, e può stimare con una buona approssimazione gli esiti della domanda di suddivisione dei beni nelle cause di divorzio. Il programma funziona grazie a una base dati fornita da circa 200 cause, e tiene conto di 94 diverse variabili fra le quali l’età  della coppia, la durata del rapporto coniugale, il titolo di studio e la professione svolta da ciascuna delle parti. In questo modo si cerca di prevedere quale sarà  la decisione del giudice sulla divisione dei beni, fornendo un supporto determinante nella definizione delle strategie processuali e pre-processuali.

Rachele Neferteri Gabellini

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome