giovedì, Dicembre 3, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home ADR NEWS Pubblicato lo studio sull’ADR in materia di controversie legate al consumo nell’Unione...

Pubblicato lo studio sull’ADR in materia di controversie legate al consumo nell’Unione europea

Redazione MondoADR
100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.
Print Friendly, PDF & Email

E’ puntuale e dettagliato lo studio che la Direzione Generale della Commissione europea sulla salute e la tutela del consumatore (DG SANCO) ha commissionato di recente. Il Rapporto offre una panoramica dei modelli di ADR esistenti, descrivendone il funzionamento ed analizzando la loro conformità alle disposizioni previste dalle due Raccomandazioni adottate dalla Commissione europea in merito alla materia del consumo.

Ad emergere è, senza dubbio, il numero sempre crescente di controversie, oltre centinaia di casi, riguardanti i consumatori e risolte tramite le tecniche di ADR. Risulta, inoltre, l’esistenza nei Paesi dell’Ue di ben 750 modelli di ADR diversi tra loro, molti dei quali presenti all’interno di uno stesso Paese. Non solo. Si evidenzia come la maggior parte dei modelli di ADR si presenta come gratuito o a basso costo per il consumatore.

Tuttavia, lungi dal presentare un quadro totalmente roseo, il rapporto mette in risalto le difficoltà nell’utilizzo dei succitati modelli a livello transfrontaliero che stentano di fatto a decollare. I maggiori ostacoli ravvisati riguardano la non conoscenza dell’esistenza di tali meccanismi a causa della frammentazione dei servizi, rintracciata soprattutto nei Paesi più grandi, la non partecipazione delle imprese nonché l’ostacolo delle barriere linguistiche.

In generale, i problemi maggiormente percepiti dai provider di modelli ADR riguardano la possibilità di far conoscere i propri servizi ADR al grande pubblico – quindi promozione e mancanza di fondi per la promozione – soprattutto quando non esiste l’obbligo per l’impresa di informare i propri clienti dell’esistenza di tali meccanismi.

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome