sabato, Ottobre 16, 2021

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Home ADR NEWS L'American Bar Association interviene sulla qualità  della conciliazione

L’American Bar Association interviene sulla qualità  della conciliazione

100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.

Dopo avere escluso che allo stato attuale sia possibile creare un sistema di certificazione dei conciliatori a livello nazionale, la sezione “Risoluzione delle dispute” dell’American Bar Association ha nominato una task force per studiare i fattori che influiscono sulla qualità della conciliazione.

Il gruppo di lavoro includeva conciliatori di ogni background, avvocati, accademici e dirigenti degli uffici giudiziari. Il lavoro della task force si è concentrato in particolare sulla conciliazione in materia civile e commerciale. La percezione degli utenti è stata presa largamente in considerazione, anche se non ha rappresentato l’unica prospettiva.

Dieci focus groups sono stati organizzati in nove città degli Stati Uniti; questionari postali e interviste telefoniche sono state somministrate a conciliatori e utilizzatori della conciliazione. Quattro i temi centrali emersi per assicurare la qualità della conciliazione: la preparazione scrupolosa di tutti i partecipanti nella conciliazione; la personalizzazione del procedimento di conciliazione caso per caso; un’assistenza analitica e mirata da parte del conciliatore; la perseveranza del conciliatore.

Il gruppo di lavoro ha formulato, infine, alcune raccomandazioni: creare delle guide complete per gli utilizzatori della conciliazione, che includano video illustrativi per le parti e per i loro avvocati; condurre un lavoro di ricerca simile a quello condotto dalla task force anche in altri campi della conciliazione (ad es. per la mediazione familiare); sviluppare un dialogo a livello locale con gli utilizzatori della conciliazione e con gli ordini degli avvocati; creare dei brevi opuscoli informativi pratici per gli utilizzatori della conciliazione (parti e avvocati).

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome

Articolo precedenteNegoziare informati (2/2008)
Articolo successivoConosci il tuo nemico