giovedì, Novembre 26, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home ADR NEWS La World Bank promuove regole più flessibili per la risoluzione alternativa delle...

La World Bank promuove regole più flessibili per la risoluzione alternativa delle controversie

Redazione MondoADR
100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.
Print Friendly, PDF & Email

L’International Centre for Settlement of Investment Disputes (ICSID) – ente istituito presso la World Bank, nel 1966, per gestire la risoluzione delle controversie sorte tra finanziatori esteri e stati membri – ha recentemente emanato degli emendamenti ai regolamenti in materia di risoluzione delle controversie, allo scopo di rendere più flessibili ed uniformi le pratiche di arbitrato e di conciliazione da esso amministrate.

I regolamenti in questione (ICSID Regulations and Rules; Additional Facility Rules) riguardano la gestione di due tipi di controversie: quelle coinvolgenti solo stati membri e finanziatori esteri e quelle coinvolgenti anche uno stato non membro, oppure aventi una natura non esclusivamente finanziaria.

I nuovi emendamenti permettono di uniformare le procedure adottate per risolvere entrambe le tipologie di controversie, ad esempio stabilendo criteri comuni per la scelta della nazionalità  degli arbitri. In entrambi i casi, la maggioranza degli arbitri prescelti per amministrare la procedura deve essere di nazionalità  diversa rispetto a quella delle parti coinvolte, salvo che le parti, di comune accordo, desiderino il contrario.

Prima degli emendamenti in oggetto, inoltre, il segretario generale dell’ISCD doveva individuare, entro trenta giorni dalla richiesta dei litiganti, un arbitro o degli arbitri per adire la loro controversia. Con i nuovi emendamenti, invece, egli deve solo fare del suo meglio per riuscire ad espletare tale compito entro i termini precedentemente stabiliti. Allo stesso modo, egli non è più tenuto a rispondere alla domanda di destituzione di uno o più arbitri entro il termine di trenta giorni dalla richiesta delle parti.

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome