lunedì, Novembre 30, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home ADR NEWS La minaccia di sciopero incombe se il governo snobba i conciliatori

La minaccia di sciopero incombe se il governo snobba i conciliatori

Redazione MondoADR
100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.
Print Friendly, PDF & Email

La minaccia di sciopero del pubblico impiego in Germania si è profilata all’orizzonte dopo la decisione del governo Schroeder di ostacolare una proposta avanzata dai conciliatori. Oggetto della controversia è l’aumento dei salari.

In un primo momento i negoziatori avevano nutrito un’esile speranza di accordo. Tuttavia, dopo 4 giorni di discussione, i datori di lavoro hanno rifiutato la proposta elaborata grazie ai conciliatori, definendola “poco realistica”.

Secondo il ministro degli Interni Otto Schily, “se vengono chiesti degli aumenti, dovranno pur essere finanziati. Poichè non siamo in grado di aumentare le entrate e fare nuovi debiti è impossibile, tale finanziamento deve provenire da licenziamenti, e il sindacato non può volere questo.”

Il conciliatore Lehman-Grube, ex-sindaco di Lipsia, ha dichiarato: “Una speranza c’è ancora, ma richiede che entrambe le parti siano disposte a compiere un passo in avanti. Se ognuno persisterà  nella propria posizione, allora il conflitto è inevitabile.”

Se il dialogo dovesse fallire, il sindacato potrebbe mettere ai voti la decisione di attuare uno sciopero generale. Sebbene in Germania tali forme di lotta siano poco frequenti, la crisi economica e la volontà  dei lavoratori di ottenere aumenti, anche moderati, hanno reso aspro il dialogo tra sindacati e governo.

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome