giovedì, Novembre 26, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home ADR NEWS La conciliazione secondo Tre

La conciliazione secondo Tre

Redazione MondoADR
100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.
Print Friendly, PDF & Email
Anche l’operatore di telefonia mobile Tre ha siglato con le maggiori associazioni di consumatori un protocollo d’intesa che consente ai propri clienti di avvalersi di una procedura conciliativa alternativa a quelle già previste, attivabile gratuitamente via web e valevole come tentativo obbligatorio di conciliazione per le telecomunicazioni, ai sensi dell’art. 1 comma 11, L. 31 luglio 1997, n. 249.
Il tentativo di conciliazione può essere avviato solamente dopo avere interpellato il servizio clienti di Tre attraverso i canali ordinari e avere ricevuto una riposta che si ritiene insoddisfacente.
Le controversie fra gli utenti e Tre saranno trattate da una Commissione paritetica formata da un conciliatore in rappresentanza di Tre e da un conciliatore nominato dalle associazioni dei consumatori in rappresentanza del cliente.
Il cliente conferisce al conciliatore individuato dall’associazione consumatori un mandato ad individuare una proposta per la composizione della controversia, e successivamente alla conciliazione si impegna a comunicare entro 3 giorni lavorativi l’accettazione o il rifiuto dell’accordo.
La procedura è confidenziale, gratuita e si esaurisce entro 30 giorni dal ricevimento della domanda. La Commissione di conciliazione dovrà verificare che il cliente sia consapevole della volontarietà della procedura e del fatto che la proposta transattiva formulata dalla Commissione non è vincolante.

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome