giovedì, Novembre 26, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home Articoli Il modello italiano di mediazione spiegato ai colleghi stranieri

Il modello italiano di mediazione spiegato ai colleghi stranieri

Leonardo D'Urso
Adjunct Professor allo Straus Institute for Dispute Resolution della Pepperdine University (Malibu-CA, USA), esperto in tema di mediazione al CEPEJ – Consiglio d’Europa, membro del Board of Director of the Weinstein International Foundation – Mediating a Better Future, mediatore e co-fondatore di ADR Center.
Print Friendly, PDF & Email

Nelle conferenze in tema di mediazione all’estero, sempre più spesso ho notato che mediatori e avvocati stranieri nel commentare la normativa italiana confondono la vecchia discplina del D.Lgs. 28/10 con quella attuale, modificata con il Decreto del Fare nel 2013, riferendosi in maniera generica con “the Itailan mandatory mediation“.  Perfino in un recente importante rapporto sulla mediazione del Ministero della Giustiza del Regno Unito, la normativa e l’esperienza italiana era stata rappresentata in maniera profondamente errata. La complessità della nostra normativa e le sue alterne vicende non aiutano certamente.

A oltre quattro anni dalla sua entrata in vigore, ho cercato di illustrare in maniera semplice la nostra normativa e i risultati raggiunti in un articolo pubblicato dalla rivista Alternatives del famoso International Institute for Conflict Prevention & Resolution (CPR) di New York. Per facilitare la sua diffusione, la rivista ha accettato la distribuzione gratuita dell’articolo che può quindi essere scaricato e diffuso.

Schermata 2018-05-10 alle 21.27.29

 

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome