sabato, Novembre 28, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home ADR NEWS Il Governo italiano accoglie le critiche e rende facoltativa la valutazione finale...

Il Governo italiano accoglie le critiche e rende facoltativa la valutazione finale del conciliatore nel tentativo di conciliazione in materia societaria (D.Lgs. 5/2003)

Redazione MondoADR
100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.
Print Friendly, PDF & Email

Hanno avuto esito positivo le proteste e le richieste della comunità  ADR sul nuovo decreto che introduce sostanziali agevolazioni per la conciliazione stragiudiziale in materia societaria condotta dagli enti accreditati, prevista e regolata dal D.Lgs. n. 5 del 17 gennaio 2003 (artt. 38-40).

A meno di un mese dall’entrata in vigore, fissata per il 1
° gennaio 2004, e in base a quanto consentito dalla stessa Legge-delega per la riforma del diritto societario, il governo ha emanato un decreto correttivo che modifica la disciplina nel senso auspicato.

Come si ricorderà , il D.Lgs. 5/2003 stabiliva che il conciliatore, al termine di ogni tentativo di conciliazione non coronato da successo, era tenuto a formulare alle parti una sua proposta di accordo, ed era altresì tenuto a mettere a verbale la posizione delle parti stesse su questa proposta (art. 40, 2
° comma).

In questa formulazione la norma era stata aspramente criticata, perchè introduceva un elemento estraneo alla natura puramente volontaria del procedimento conciliativo. In base al verbale di mancata conciliazione, infatti, il giudice avrebbe valutato il comportamento delle parti e avrebbe potuto anche adottare provvedimenti punitivi in relazione alla ripartizione delle spese legali.

In caso di mancato successo del tentativo di conciliazione, quindi, sulla base della modifica approvata, il conciliatore potrà  formulare una proposta di accordo alle parti solo se entrambe lo autorizzeranno espressamente a farlo.

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome