martedì, Dicembre 1, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home Articoli La rivista on line di JAMS-ADR Center si rinnova

La rivista on line di JAMS-ADR Center si rinnova

Giuseppe De Palo e Leonardo D'Urso


Giuseppe De Palo

Giuseppe De Palo è co-fondatore e Presidente di ADR Center, prima società accreditata dal Ministero della Giustizia, che nel 2007 l’ha iscritta al n. 1 del registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione. Giuseppe De Palo è tra i più esperti mediatori in Italia, nonché titolare della cattedra di Diritto e pratica dell’ADR presso il Dispute Resolution Institute della Hamline University School of Law (St. Paul, USA). Dal 2003 è responsabile di diversi progetti finanziati da organismi internazionali come Banca Mondiale, Banca Interamericana di Sviluppo e Commissione europea volti a promuovere la mediazione in tutto il mondo. Recentemente ha condotto ADR Center alla vittoria di due progetti europei per la formazione di giudici e avvocati in 26 paesi europei.Il prof. De Palo è autore e co-autore di numerose pubblicazioni in italiano, inglese, francese e turco. Le più recenti includono: “Il ruolo dell’avvocato nella mediazione” edito da Giuffrè; “Venturing Beyond the classroom”, coautore con Christopher Honeyman e James Coben; “Manuale del Mediatore Professionista”, co-autore con Leonardo D’Urso edito da Giuffrè (2010); “Rethinking Negotiation Teaching”, co-autore con C. Honeyman e J. Coben, DRI Press, Saint Paul, Minnesota, (2009)

Leonardo D'Urso
E' mediatore professionista e co-fondatore di ADR Center, prima società accreditata dal Ministero della Giustizia, che nel 2007 l’ha iscritta al n. 1 del registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione. Negli ultimi dieci anni è stato nominato mediatore di numerose controversie nel campo societario e commerciale di valore medio superiore al milione di euro, sia in Italia che all'estero. È esperto nella realizzazione di Conflict Management Systems (CMS) per grandi aziende. È iscritto all'Ordine dei dottori commercialisti e nell'elenco dei conciliatori tenuto presso il Ministero della Giustizia per la materia societaria, bancaria e finanziaria.

Print Friendly, PDF & Email

Nell’oramai “lontano”giugno 2002 debuttava nel panorama italiano “Soluzioni”, la newsletter mensile di JAMS – ADR Center. In otto anni, Soluzioni è cresciuta assieme al “movimento ADR”in Italia, sino a raggiungere gli oltre 3.500 iscritti.

Siamo quindi particolarmente lieti di informaVi che, a partire da questo numero, in formato eccezionalmente bimestrale,
 Soluzioni si veste di una nuova immagine grafica, ma non solo. Oltre ai contributi dei nostri collaboratori storici, la rivista si arricchisce di contenuti, interventi e dibattiti, e vedrà  il coinvolgimento di alcuni tra i massimi esperti nel campo della risoluzione alternativa delle controversie. Tra le novità  più rilevanti, segnaliamo la possibilità  per i lettori di commentare e inviare le proprie osservazioni sugli articoli e le news pubblicati.
Il nostro obiettivo è quello di continuare fornire uno strumento utile e di semplice utilizzo, che possa stimolare il costante aggiornamento per tutti gli esperti della mediazione, specie alla luce dei recentissimi sviluppi nazionali e internazionali in materia.

Il rinnovarsi di Soluzioni va, infatti, di pari passo con la crescita del fenomeno ADR nel mondo, e in Europa in particolare. E in tale contesto, l’Italia
 sarà  tra i primi paesi europei a recepire la Direttiva comunitaria 2008/52/CE, con la recente approvazione da parte del Consiglio dei Ministri dello “schema di decreto legislativo sulla mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”del 27 ottobre 2009, che ha l’obiettivo di deflazionare il carico dei giudizi pendenti in tribunale.

Molti sono i temi ancora aperti e su cui si è acceso uno stimolante dibattito: innanzitutto l’introduzione del tentativo obbligatorio di conciliazione nelle controversie civili in una serie significativa di materie; in secondo luogo, la “proposta del conciliatore”in caso di mancato accordo tra le parti. Questi e molti altri saranno gli argomenti trattati in questo numero e in quelli che seguiranno.

È con rinnovato entusiasmo che auguriamo pertanto a tutti voi buona lettura e buone feste!

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome