+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Iniziativa ADR Center Nr. 1 Registro organismi di
mediazione Ministero della Giustizia
20 Febbraio 2008

Gestire bene il conflitto per evitare la cattiva reputazione

di Luigi Cominelli
Print Friendly, PDF & Email

Una nuova ricerca del CEDR di Londra (Centre for Effective Dispute Resolution) conferma i danni che la cattiva gestione del conflitto provoca alle imprese. Sulla base dei questionari inviati a 160 responsabili delle pubbliche relazioni o della comunicazione, si è dimostrato che mentre solo uno su tre ricordava delle organizzazioni e delle aziende che gestiscono bene il conflitto, oltre due intervistati su tre ricordavano invece di chi gestisce male tali situazioni. Tra le aziende virtuose: Virgin, Tesco e la Metropolitana di Londra. Tra i cattivi: British Airways, le Poste britanniche, il Servizio Sanitario Nazionale e McDonalds.


 


 
Quasi tutti gli intervistati hanno affermato che vincere non è necessariamente la cosa più importante in una lite. Diversi hanno menzionato che in caso di controversia è importante evitare i rischi di impatti negativi sulle vendite, di raggiungere un risultato iniquo, e ben 9 su 10 hanno dichiarato che più importante di vincere è mantenere la relazione con la controparte. Più importanti della vittoria a tutti i costi sono risultati anche la velocità  e la riservatezza del procedimento, i costi contenuti, la necessità  di stabilire un precedente e la prevedibilità  del risultato.


 

Tra tutti i tipi possibili di controversie, quelle più pericolose sono quelle con i clienti. Secondo uno degli intervistati, “il modo in cui l’organizzazione gestisce il conflitto è alla base della sua reputazione. Spesso, purtroppo, i manager non ritengono di importanza strategica la gestione dei conflitti, e relegano la questione tra i problemi legali”.

 

Le risposte che otteniamo dal nostro interlocutore nei periodi di crisi e di difficoltà  tendono in genere a rimanere impresse per un periodo più lungo. Cercare di annientare il proprio avversario è un metodo sicuro per infliggere un grave danno anche a sè stessi. Non è sempre possibile evitare il conflitto, ma è possibile evitare di danneggiare la reputazione della propria azienda o della propria organizzazione creando una struttura e un sistema per non perdere il controllo sulle liti.
 

 

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Sharm El Sheik, 29 aprile-1 maggio 2008
In Egitto la prima sessione annuale della “International Advanced Mediation Training Academy”
CondividiSarà la splendida cornice di Sharm El Sheik, in Egitto, a fare da sfondo al corso di formazione professionale avanzata per conciliatori,...
Roma, 27-28 maggio 2008
“Negotiation At Its Best”
CondividiSi terrà a Roma il 27 e 28 maggio una straordinaria iniziativa di aggiornamento professionale che rappresenta come di consueto un valido...
Roma, 2 giugno-1 luglio 2008
Corso di alta specializzazione per giuristi internazionali – “Making and Saving Deals”
Condividi In corso di svolgimento i primi colloqui per la selezione delle domande di ammissione alla VI edizione del corso per giuristi internazionali...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...