+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Iniziativa ADR Center Nr. 1 Registro organismi di
mediazione Ministero della Giustizia
3 Luglio 2007

Accontentiamoci di non litigare

di Redazione MondoADR
Print Friendly, PDF & Email

Uno degli errori più frequenti compiuti da avvocati e giudici con le coppie separate fortemente conflittuali, è quello di tentare di fare andare d’accordo le parti nell’interesse dei figli.

 

L’obiettivo tuttavia si rivela sempre irraggiungibile, e il risultato del nobile proposito è di esacerbare ancora di più il conflitto. Anche se tutti i genitori affermano di avere a cuore l’interesse dei figli prima di tutto, spesso confondono questo interesse con il loro, e in particolare con il desiderio di vendicarsi dell’altro.

 

In queste situazioni la scelta più saggia è probabilmente quella di aiutare questi genitori a disimpegnarsi dal conflitto e a limitare i contatti, stabilendo in primo luogo limiti chiari e regole precise nei rapporti, rassegnandosi al fatto che ciascuno manterrà con i figli il proprio stile e le proprie abitudini. Quest’ultimo punto viene accettato difficilmente dal genitore, che teme che l’altro mandi al proprio figlio segnali contraddittori. Tuttavia, bambini e i ragazzi sono abituati ad adattarsi a differenti aspettative di comportamento (salvo naturalmente i casi di abuso o di abbandono).

 

A scuola ad esempio, di fronte ai diversi stili educativi di ogni insegnante, i ragazzi sanno perfettamente come comportarsi a seconda di chi hanno di fronte, senza per questo sentirsi confusi. È quando un educatore pretende di stabilire i criteri educativi assoluti che nascono anarchia e confusione.

 

Per ottenere il reciproco disimpegno è necessario stabilire un piano “genitoriale” che prevenga i problemi e individui le aree di interferenza e di conflitto. È purtroppo necessario delineare confini molto precisi all’autorità di ciascun genitore sul maggior numero possibile di punti controversi attuali o potenziali.

 

È inoltre necessario evitare il più possibile i contatti fra genitori, e quando le comunicazioni sono necessarie, ricorrere alla vigilanza di un terzo neutrale, al quale il genitore mandi per esempio in copia le comunicazioni via e-mail. Se i toni rimangono troppo aggressivi, il terzo potrà incaricarsi di visionare preventivamente il testo di ogni comunicazione, e potrà cercare di istruire il genitore su come sfumare il messaggio. Il conflitto in questo modo può anche raffreddarsi, e i figli trarranno beneficio da un ambiente più sereno.

 

Da Gary Direnfeld, Forget Harmony, Settle for Peace, mediate.com

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Hamline University sul podio dei migliori atenei USA
Condividi Si conferma il trend positivo di crescita dell’Ateneo americano, che incassa così l’ennesimo successo di una strategia mirata alla qualità e...
Più semplicità  per le controversie di lavoro
Condividi L’atteso Rapporto Gibbons sulla risoluzione delle controversie di lavoro, commissionato dal ministro Alistar Darling per il Department for...
Roma, 4-5-6 e 12-13 luglio 2007
Forma e sostanza della conciliazione professionale
Condividi Si conclude in positivo il primo semestre del 2007, che ha visto il lancio della nuova struttura didattica progettata appositamente da ADR...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...