+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
12 giugno 2004

Un approccio globale all’ADR nell’impresa: sistemi integrati di risoluzione delle dispute e di conflict management

di Redazione MondoADR
Print Friendly

Uno studio condotto nel Maryland sembra indicare che molte aziende adottano un approccio all’ADR a “compartimenti stagni”, mentre potrebbero beneficiare dI un metodo di risoluzione delle dispute integrato e sistematico.

Il rapporto di ricerca del MACRO (Maryland Mediation and Conflict Resolution Office) si è concentrato sull’utilizzo delle ADR private. Negli ultimi anni il fenomeno è cresciuto in maniera notevole, anche in conseguenza degli inviti a utilizzare le ADR da parte dei tribunali.

La ricerca ha preso in considerazione tutte le imprese di grandi dimensioni (con più di mille dipendenti) e un campione di imprese minori nello stato del Maryland. L’analisi è stata condotta su due temi distinti: l’utilizzo delle ADR nel campo delle dispute esterne (sia business-to-business che con i consumatori) e l’utilizzo delle ADR nel campo delle controversie di lavoro con i dipendenti. I risultati dell’inchiesta hanno mostrato che le imprese del Maryland sono impegnate attivamente nell’utilizzo di diversi procedimenti di ADR (principalmente conciliazione e arbitrato), ma per la grande maggioranza non si sono dotate di sistemi di risoluzione delle dispute integrati.

Un sistema di risoluzione delle dispute integrato può fornire soluzioni valide per tutti i tipi di problemi e tutti i tipi di persone che lavorano nell’organizzazione, può contribuire a una cultura aziendale che accetti il dissenso e che incoraggi il trattamento tempestivo delle dispute, incoraggia la creazione di punti di accesso per la risoluzione dei conflitti e fornisce le necessarie strutture di supporto interne.

La creazione di un sistema integrato per la risoluzione dei conflitti richiede l’allocazione di risorse destinate specificamente a questo compito, richiede l’identificazione di uno o più soggetti indipendenti all’interno dell’organizzazione incaricati di gestire le dispute (ad esempio l’ombudsman aziendale), richiede la collaborazione in tema di ADR con i partner commerciali, oltre a specifiche attività  di formazione del personale legale in tema di gestione dei conflitti.

Secondo lo studio del MACRO, questi sono i passi necessari per le aziende che intendono disegnare e mettere in pratica un sistema interno e integrato di risoluzione delle dispute:

  • Assicurarsi che la dirigenza sia resa consapevole e venga coinvolta negli sforzi per realizzare il sistema di gestione delle dispute. 
  • Individuare quali tipi di dispute sono più ricorrenti all’interno dell’organizzazione e con che frequenza si verificano. 
  • Ideare sistemi di ADR applicabili nelle diverse aree produttive e a tutti i livelli gerarchici dell’organizzazione. 
  • Assicurarsi che vi sia almeno un soggetto stabilmente impegnato nel monitoraggio e nella verifica del programma di ADR. 
  • Creare un gruppo di studio o comitato interno che sostenga la visibilità  e la credibilità  del programma di ADR. 
  • Educare tutti i dipendenti a capire in quali situazioni è opportuno ricorrere alle ADR e a saper utilizzare i diversi strumenti a disposizione.
commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
La conciliazione endoprocessuale in Slovenia
Condividi1. Introduzione Occorre anzitutto chiarire che la complessità e la vastità delle questioni connesse ai mezzi legali e giudiziali utilizzabili...
Uno studio mostra che l’ADR obbligatoria sta dando buoni risultati
CondividiSecondo un rapporto della Corte Suprema dello Stato del Maine, le cause civili vengono sempre più spesso e più rapidamente definite...
Una Corte d’Appello della California limita l’applicazione del principio della confidenzialità  a procedimenti di ADR “in senso stretto”
CondividiNel caso Philip M. Saeta v. the Superior Court of Los Angeles Country, deciso con sentenza martedì 30 marzo 2004, il Second District Court of...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok