+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
21 Febbraio 2005

Il legislatore del Mississippi propone la conciliazione obbligatoria

di Redazione MondoADR
Print Friendly, PDF & Email

Una parlamentare repubblicana spera di contrastare la tendenza crescente delle controversie civili richiedendo che gli attori sottopongano i loro casi ad un processo di conciliazione prima di depositare domanda giudiziale. Il suo piano è quello di ottenere che l’avvocatura dello stato certifichi una lista di conciliatori che possano aiutare a dirimere le controversie.

Jessica Sibley Upshaw, membro della Commissione Giustizia B della Camera dei Rappresentanti dello Stato del Mississippi, ha proposto un disegno di legge che favorisce l’adozione di un programma di conciliazione. Secondo l’agenda legislativa del Mississipi, la Commissione Giustizia dovrebbe presto approvare il disegno di legge della Upshaw.

La bozza del disegno di legge (HB 112) chiede che ogni causa coinvolgente un illecito civile sia preventivamente sottoposta a conciliazione, così che un conciliatore “compia ogni sforzo per aiutare le parti a risolvere la loro controversia, al fine di evitare la lite giudiziaria”.

Ogni norma sulla prescrizione sarebbe tolled, e l’articolata proposta suggerisce che il processo di conciliazione si dimostri il più possibile flessibile. “La conciliazione dovrebbe essere informale e le norme della Procedura Civile, così come quelle probatorie, dovrebbero essere applicate in modo flessibile”. Inoltre, le previsioni del disegno di legge dovrebbero essere “liberamente costruite per incoraggiare la transazione delle dispute e per prevenire le controversie legali”.

La proposta della Upshaw invita, pertanto, l’avvocatura dello Stato del Mississippi a certificare una lista di conciliatori per il progetto, da scegliere tra gli avvocati che abbiano attivamente praticato negli ultimi cinque anni.

Sebbene, quindi, secondo questa legge il processo di conciliazione diventa obbligatorio, gli accordi raggiunti in tal modo non sarebbero vincolanti per le parti salvo patto contrario, redatto in forma scritta. Tutte le azioni civili, in caso di fallimento del processo conciliativo, rimangono possibili purchè avviate entro 90 giorni dal termine della conciliazione o dalla ricezione dell’attore di una notifica scritta che respinga ogni domanda.

Infine, ogni notifica deve contenere l\’esposizione dei fatti, delle circostanze e dei danni oggetto della pretesa, così come i nomi delle persone coinvolte e l’ammontare del risarcimento richiesto.

 

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Conciliazione e impasse negoziali
CondividiSpesso, nel corso di una conciliazione, si verificano degli impasse, cioè dei momenti in cui sembra che la conciliazione non possa più...
Un approccio inusuale del conciliatore: una festa in Arizona
CondividiLariane Pacheco dirige le controversie in materia di amianto nella città di New York ed è conosciuta per la sua abilità nel persuadere gli...
Sistemi intelligenti per il divorzio e la separazione
CondividiDurante una separazione o un divorzio i coniugi sono disposti a spendere una fortuna pur di ottenere la proprietà di un immobile o la...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...