mercoledì, Dicembre 2, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home Articoli ADR e risoluzione delle controversie interne alle società 

ADR e risoluzione delle controversie interne alle società 

Rachele Neferteri Gabellini
Avvocato specializzato in materia di risoluzione delle controversie civili, commerciali e del lavoro, dopo aver acquisito esperienza presso lo Studio Legale Baker&McKenzie (2004 – 2009) nelle sedi di Roma e Londra, da luglio 2009 è Case Management Coordinator di ADR Center S.p.A. e mediatore accreditato ai sensi del D. Lgs. n. 5/2003. Dal 2003 ha assistito a numerose mediazioni internazionali sia in Italia presso ADR Center che negli Stati Uniti presso la sede di New York di JAMS. Nel marzo 2010 ha conseguito con successo presso l’Università Queen Mary di Londra il “Diploma in International Commercial Arbitration and ADR” ed è intervenuta in qualità di docente in numerosi corsi e workshop di approfondimento in materia di mediazione sia in Italia che all’estero, tra cui l’Università LUISS di Roma, l’IPR Desk di Istanbul e Università di Ankara. Sin dal 2003 è autrice di numerosi articoli in materia di mediazione pubblicati sulla rivista online “Soluzioni” di Mondo ADR. Ha partecipato alla edizione del 2003 del corso Making and Saving Deals al termine del quale ha ottenuto la scholarship presso il dipartimento di arbitrato e litigation di CameronMcKenna a Londra. Nell’ultimo anno ha collaborato e partecipato con ADR Center S.p.A. all’organizzazione di corsi di formazione per i maggiori studi legali internazionali. Fa parte del Comitato Giustizia del Centro Studi del Club Lions International, distretto 108L ed è membro di ArbIt (Italian forum for Arbitration and ADR).
Print Friendly, PDF & Email

Uno studio ha rivelato che le tecniche ADR vengono utilizzate dalle società  per affrontare le innumerevoli problematiche relative allo svolgimento della loro attività  interna, economica e professionale.

Un esempio è stato offerto da Theodore B. Van Itallie della Johnson & Johnson in occasione del Meeting del CPR Institute for dispute Resolutions, tenutosi lo scorso 9-10 ottobre a Chicago. Van Itallie, ha rilevato come l’utilizzo delle tecniche ADR nelle cause di lavoro pendenti ha consentito di ottenere una netta riduzione dei costi e dei tempi. Per i costi si parla di almeno un terzo rispetto a quanto generalmente speso per l’ordinario giudizio. È per questa ragione che le tecniche di ADR sono state estese ad altri settori, cercando quindi di risolvere attraverso la conciliazione anche le controversie commerciali relative a danni da prodotto. E’ stato appurato che il tentativo di composizione della controversia, in massimo 90 giorni, mediante un consulente esperto, è uno strumento altamente efficace, soprattutto se paragonato al giudizio ordinario. Di particolare rilievo è stato l’intervento di Innis Thompson, consulente legale interno della International Paper Co. di New York. La Thompson ha affermato che la conciliazione è stata progressivamente utilizzata dalla International Paper Co., mediante un adeguamento della struttura interna del dipartimento legale. A partire dal 1999 la società  ha assunto un conciliatore e i consulenti legali hanno iniziato ad inserire nei contratti le clausole di conciliazione, con l’effetto immediato di ottenere una visibile riduzione dei giudizi e di incrementare il ricorso al procedimento alternativo. Successivamente, la società  ha iniziato a svolgere una analisi approfondita dei giudizi pendenti e delle controversie ancora in corso. L’analisi ha riguardato prevalentemente le tipologie di controversie esistenti, i costi sostenuti ed i tempi di risoluzione. L’approccio utilizzato dalla società  non ha comportato una pianificazione generalizzata della gestione delle controversie mediante il metodo della conciliazione, quanto piuttosto una analisi caso per caso della controversia stessa. Particolare attenzione, poi, è riservata alla scelta del conciliatore. Per la International Paper Co, a differenza di altre società , è utile fare costante riferimento ad una lista di conciliatori predeterminata. A tal proposito, Van Itallie ha confermato che l’elemento determinante per la buona riuscita di una conciliazione è la professionalità  e qualità  del conciliatore. Rachele N. Gabellini

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome