lunedì, Novembre 23, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home ADR NEWS Miglior accesso alla Giustizia: oltre 1,1 milioni di euro dalla Commissione europea...

Miglior accesso alla Giustizia: oltre 1,1 milioni di euro dalla Commissione europea per la Turchia

Redazione MondoADR
100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.
Print Friendly, PDF & Email
E’ del 20 giugno scorso la comunicazione ufficiale che ha assegnato ad ADR Center il progetto comunitario “Better Access to Justice in Turkey”.
Il progetto prevede la creazione di un\’unità presso il Ministero della Giustizia di Ankara, con uno staff di esperti locali e internazionali che lavoreranno per 18 mesi al fianco dei più alti funzionari di governo per realizzare tre obiettivi fondamentali: 1) promuovere il ricorso agli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie, 2) valutare il sistema di gratuito patrocinio nelle corti, e 3) migliorare il sistema di gestione dei dati del Ministero della Giustizia, con particolare riferimento alle statistiche giudiziali.
Tra gli esperti che si trasferiranno ad Ankara, il capo progetto Haluk Saran, specialista in sistemi informatici per la giustizia, Mr. Abdülkadir Kaya, già direttore generale del Ministero della Giustizia turco, che si occuperà del tema del gratuito patrocinio, e l\’inglese Ronald Bradbeer, noto esperto internazionale di ADR, che rientrerà per l\’occasione dal Pakistan, ove ha terminato una consulenza per la Banca Mondiale.
Il team di progetto, assistito da diverse figure di staff, riferirà al responsabile dell\’area internazionale di ADR Center, il prof. Giuseppe De Palo, coadiuvato dalla coordinatrice dell\’unità progetti internazionali della società, Elena Ciancio.
Stando ai documenti ufficiali, alla gara si erano pre-qualificati sette consorzi internazionali. Tra questi, alcune delle principali società specializzate in consulenza nel settore “justice”, come Progeco, Sofreco, la tedesca Icon, la fondazione Adenauer e altre ancora. Partner del consorzio guidato da ADR Center sono il CEDR di Londra, la belga IBF International Consulting, la Istanbul Bilgi University, e la PricewatershouseCoopers.
Prima della pausa estiva, ancora molto da fare per l\’unità progetti internazionali. Qualche giorno fa, la Banca Mondiale ha pre-qualificato ADR Center per la partecipazione a una gara dal titolo Expanding Commercial Alternative Dispute Resolution (ADR) Institutions and Mechanisms in Nigeria. Nessun concorrente europeo per la gara africana, che prevede attività, oltre alla capitale Abuja, negli stati di Lagos, Abia e Kaduna. Le altre società in “short list” provengono da Canada, Stati Uniti e Africa.
Di straordinario pregio il comitato scientifico internazionale approntato per questo importante progetto, che sarà coordinato da Giuseppe De Palo. Oltre all\’inglese Karl Mackie, noto in Italia per essere stato scelto come “mediatore” nella vicenda Maquaire e Gemina relativa al controllo della società Aeroporti di Roma, Michael Wheeler, professore ordinario presso la Harvard Business School, Muhammadu Lawal Uwais, già presidente delle Corte Suprema della Nigeria, il giudice italiano Marcello Marinari e la collega olandese Machteld Pel.

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome