mercoledì, Dicembre 2, 2020

Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie

Nr. 1 - Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia

Print Friendly, PDF & Email
Home ADR NEWS A Teramo la prima sperimentazione italiana della "conciliazione delegata"

A Teramo la prima sperimentazione italiana della “conciliazione delegata”

Redazione MondoADR
100 Newsletter, oltre 1.000 visite giornaliere e 10.000 abbonati. Sono questi i numeri di “Soluzioni ADR”, la newsletter mensile di ADR Center, nata nell’oramai “lontano” giugno 2002. In dieci anni, Soluzioni è cresciuta assieme alla rilevanza dell’istituto della mediazione in Italia, diventando luogo privilegiato di incontro e confronto in tema di risoluzione alternativa delle controversie.
Print Friendly, PDF & Email

Grande attenzione tra gli operatori ha destato il convegno CONCILIAZIONE STRAGIUDIZIALE E INNOVAZIONE – la sperimentazione di un modello di collaborazione istituzionale promosso dalla CCIAA di Teramo, svoltosi a Teramo sabato 15 novembre, organizzato dalla Camera di Commercio e ADR Center.

Autorevoli rappresentanti del mondo politico, giudiziario, accademico, forense e camerale hanno discusso di una proposta collaborativa senza precedenti elaborata, su impulso di ADR Center, dalla Camera di Commercio, l’Ordine Forense ed il Tribunale di Teramo. Il protocollo d’intesa nato da questa collaborazione, apre difatti la strada all’applicazione della conciliazione stragiudiziale anche nelle aule del tribunale del città  abruzzese.

Una apposita commissione, composta da un rappresentante di ciascuna delle parti, individuerà  in base a criteri predefiniti le cause idonee ai fini dello svolgimento con successo di un tentativo di composizione stragiudiziale. Riduzione dei tempi e dei costi del contenzioso, quindi, l’obiettivo principale della commissione, che proporrà  così ai difensori delle parti in lite di procedere a questa nuova forma di “conciliazione delegata”. Dal canto loro, i giudici, pur conservando la possibilità  di procedere direttamente al tentativo di accordo in udienza, si sono impegnati a segnalare ai contendenti la possibilità  di rivolgersi al servizio di conciliazione della Camera di commercio.

Commenta

inserisci un comento
Inserisci qui il tuo nome