+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
3 luglio 2007

Un ombudsman per la pace aziendale

di Luigi Cominelli
Print Friendly
Il contenzioso di lavoro con i dipendenti è uno dei problemi principali per le imprese e le grandi organizzazioni. Anche se l’eliminazione totale dei reclami per discriminazione è probabilmente un traguardo irraggiungibile, l’obiettivo di ridimensionarne il numero e limitarne le conseguenze è invece alla portata. La creazione di un ombudsman interno all’impresa o all’organizzazione consente di evitare che le liti vadano fuori controllo.
Il termine ‘ombudsman’ viene dalla lingua svedese, e oggi designa un soggetto o un ufficio che raccogliendo i reclami di utenti o cittadini contro un’istituzione o un’organizzazione, cerca con la persuasione e con metodi non autoritativi di risolvere il problema consensualmente tra le parti. Nelle imprese e nelle organizzazioni, l’ombudsman è un’istanza neutrale, indipendente e informale, alla quale tutti i dipendenti possono rivolgersi per esporre in via confidenziale le proprie lamentele. L’ombudsman non si sostituisce ai canali formali dell’organizzazione (ad esempio ufficio legale o ufficio risorse umane), ma integra le loro funzioni. La natura informale e confidenziale dell’ombudsman può costituire un incentivo a fare emergere problemi che altrimenti tenderebbero a venire nascosti per il timore di ritorsioni, come le denunce di discriminazione o di mobbing. I dipendenti possono rivolgersi senza timori all’ombudsman per valutare le loro opzioni di fronte a un comportamento scorretto.
L’ombudsman cerca sempre di intervenire in maniera soft ed equilibrata, ad esempio offrendosi di mediare, oppure insegnando a una persona scontenta la via migliore per esprimere un disaccordo o un’insoddisfazione al suo superiore. Quando c’è la possibilità di esternare o di discutere anche solo un lieve screzio o un piccolo incidente, generalmente è poi più facile evitare problemi gravi.
L’azione dell’ombudsman ha anche implicazioni generali. Con il suo lavoro quotidiano di ascolto dei reclami, l’ombudsman è in grado di raccogliere dati e aneddoti che si rivelano utili per i individuare i problemi strutturali dell’organizzazione. L’ombudsman è utile all’organizzazione anche in altri modi. Organizza corsi per la gestione delle risorse umane, dei conflitti e della comunicazione, e fornisce anche una consulenza informale sul possibile esito di una controversia o di un provvedimento disciplinare.
Intervenire per tempo in un conflitto molte volte significa evitare un reclamo, un’inchiesta formale o un’azione giudiziaria. I conflitti che vengono ignorati e non vengono gestiti in maniera adeguata per tempo causano inefficienze, assenteismo o la perdita di dipendenti chiave. Un processo o l’indagine condotta da un organismo pubblico di controllo possono causare parecchi danni in termini di immagine, e per riconquistare la fiducia dei dipendenti e del pubblico occorre molto tempo. L’ombudsman oggi rappresenta, pertanto, un’opzione efficiente e informale per la gestione di questo tipo di conflitti.
Tratto da: Creation of an Ombuds Office Can Prevent Retaliation Claims, di Michael Eisner
commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Più semplicità  per le controversie di lavoro
L’atteso Rapporto Gibbons sulla risoluzione delle controversie di lavoro, commissionato dal ministro Alistar Darling per il Department for Trade and...
Roma, 4-5-6 e 12-13 luglio 2007
Forma e sostanza della conciliazione professionale
Si conclude in positivo il primo semestre del 2007, che ha visto il lancio della nuova struttura didattica progettata appositamente da ADR Center per...
Roma, 27 settembre 2007
“Massimizzare i risultati del negoziato e delle procedure di ADR”e “Gestire efficacemente l’arbitrato internazionale”
ADR Center promuove due straordinarie Master Class con docenti d’eccezione provenienti da Europa, Stati Uniti e Medio Oriente. I due importanti...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok