+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
14 maggio 2010

Un estratto de “Il Civilista” sull’efficacia esecutiva e l’esecuzione del verbale di accordo

di Giuseppe Buffone
Print Friendly

Il verbale di accordo costituisce titolo esecutivo per l’espropriazione forzata, per l’esecuzione in forma specifica e per l’iscrizione di ipoteca giudiziale. Trattasi di una previsione che mira a rafforzare opportunità e utilità della mediazione, atteso che le parti, ove si concilino, possono beneficiare di un sistema di tutele simile a quello che sarebbe offerto dalla sentenza. In tal senso, la dottrina ha affermato che non e` inopportuno assicurare alle parti che l’accordo conciliativo, oltre a fornir loro una tutela dichiarativa pari a quella di una sentenza o di un lodo, impartisca anche una tutela esecutiva pari a quella appunto di una soluzione contenziosa (SANTI, La delega in materia di mediazione e di conciliazione, in BOVE-SANTI, Il nuovo processo civile tra modifiche attuate e riforme in atto, Matelica 2009, 95 ss.; LUISO, op. cit., 4).
Al momento dell’entrata in vigore della delega, una previsione quale quella in commento, era stata ritenuta, tuttavia, inidonea a comportare la piena equiparazione ai benefit offerti dalla sentenza poiché, grazie alla l. n. 69/2009, solo con quest’ultima (rectius: provvedimenti definitivi del Giudice) le parti possono anche avere accesso alle c.d. astreintes. Ed, infatti, a partire dal 4 luglio 2009, ai sensi dell’art. 614-bis c.p.c., con il provvedimento di condanna il Giudice, salvo che ciò sia manifestamente iniquo, fissa, su richiesta di parte, la somma di denaro dovuta dall’obbligato per ogni violazione o inosservanza successiva, ovvero per ogni ritardo nell’esecuzione del provvedimento. Il provvedimento di condanna costituisce titolo esecutivo per il pagamento delle somme dovute per ogni violazione o inosservanza. Il deficit di tutela e` venuto meno nel saggio di legificazione che, recependo il suggerimento della migliore dottrina (LUISO, op. cit., 5) ha espressamente introdotto anche per la conciliazione la possibilità di beneficiare di una tutela coercitiva indiretta. Come si vedrà, però, l’equiparazione non e` affatto integrale, anche per il rischio, in cui poteva incorrere il Legislatore, di sconfinare dalla delega conferita.

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Spetta all’avvocato la delicata scelta dell’organismo di mediazione per il proprio assistito
Stiamo assistendo a una svolta nel campo della mediazione in Italia. Dopo settimane di accese discussioni, mobilitazioni di protesta, dibattiti...
Ruoli, responsabilità e opportunità dell’avvocatura nella risoluzione alternativa delle controversie (ADR )
Milano, 26-27 maggio 2010
Il progetto comunitario “Lawyers in ADR” si sta avviando alla sua fase conclusiva. E’ prevista per il 27 maggio a Milano la conferenza finale del...
“50 Segreti della Scienza della Persuasione” di Robert B. Cialdini, Noah J. Goldstein e Steve J. Martin
E’ possibile trasformare una debolezza in un punto di forza? Questo sicuramente si sarà chiesto Davide guardando in faccia Golia. E ancora. E’ meglio...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok