+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
12 giugno 2003

Scacchi o Poker: qual’è il tuo stile di negoziazione?

di Luigi Cominelli
Print Friendly

Al tavolo del negoziato è facile vivere lo scontro tra due stili opposti di negoziazione.

Una delle parti si siede, e pacatamente espone i termini di un accordo meditato a lungo e che gli sembra ragionevole, motivando la sua proposta in maniera dettagliata. Eppure l’unica reazione dall’altra parte del tavolo è un “no” secco!

Il “giocatore di scacchi” si siede al tavolo e ha già  in mente tutte le mosse possibili, conosce in profondità  i termini della questione e tutte le questioni giuridiche.

Le sue offerte e contro-offerte sono studiate accuratamente per arrivare vicino alla cifra che si è prefissato.

Ha chiare in mente le argomentazioni che proporrà  e conosce le possibili obiezioni, e in questo modo sente che il terreno di gioco è sotto il suo controllo.

Non ha fatto i conti con il comportamento apparentemente irrazionale della sua controparte, che chiameremo il “giocatore di poker”.

Il giocatore di poker può non essere altrettanto preparato sui fatti o sulle norme applicabili, ma è abile a cogliere i segnali indiretti, il linguaggio del corpo, le smorfie di disappunto del suo avversario per capire quale è veramente la sua posizione, e quali sono i suoi interessi sottostanti.

Il giocatore di scacchi:
Comprende l’importanza della strategia e di una buona preparazione. Il punto chiave è capire quali potranno essere le mosse dell’avversario.

Uno degli stratagemmi più comuni di questa strategia è quello di stendere un elenco dei punti sui quali è necessario raggiungere un accordo. Scorrendo la lista, il giocatore di scacchi tenterà  di ottenere un accordo su quanti più punti possibile. Quando la trattativa si arena sui punti realmente controversi, su questi proporrà  di limitarsi a dividere la differenza, mentre sulle altre questioni avrà  già  portato la trattativa a suo vantaggio.

Il giocatore di poker:
Ritiene che sia essenziale saper decifrare il comportamento dell’avversario.

Di certo i semplici messaggi verbali espliciti della controparte non sono sufficienti. È necessaria anche una lettura attenta dei messaggi verbali non espliciti, come ad esempio l’enfasi utilizzata, il tono, il volume della voce, oltre naturalmente ai gesti, ai tic e in generale al linguaggio del corpo.

Un buon negoziatore deve possedere entrambe queste “personalità ” e deve saperle utilizzare al momento giusto. Deve quindi conoscere in maniera approfondita i termini della questione e la legge applicabile, ma deve essere anche un buon conoscitore dell’animo umano…

Luigi Cominelli

Tratto da: Mediate.com – Robert A. Steinberg

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Conciliazione stragiudiziale professionale: nuovi ruoli e nuove opportunità  per i professionisti
Straordinaria partecipazione all’incontro sulla conciliazione stragiudiziale professionale, organizzato dal Sindacato Avvocati di Bari in...
La prima risposta del Parlamento europeo al Libro verde sull’ADR
Nel suo recente rapporto approvato dalla Commissione Giustizia e Mercato Interno, Diana Wallis, presidente dei Liberal-Democratici al Parlamento...
L’accordo sulla responsabilità  sociale d’impresa (Rsi), firmato da Italia e Gran Bretagna, fa ben sperare i sostenitori dell’ADR
Il Ministro del Welfare Maroni ed il suo collega inglese Timms hanno recentemente dichiarato di volere promuovere strategie comuni per lo sviluppo...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok