+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
5 marzo 2010

Decreto legislativo 4 Marzo 2010 n. 28: entra in vigore il 20 Marzo la nuova disciplina della mediazione per le controversie civili e commerciali

di Paola Guttadauro
Print Friendly

Il 20 marzo sono entrate in vigore le disposizioni contenute nel Decreto Legislativo 4 Marzo 2010, n. 28 in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale  due settimane fa. Si conclude così l’iter legislativo del decreto sulla mediazione, dopo le modifiche allo schema di decreto del 28 ottobre apportate grazie ai successivi pareri delle Commissioni Giustizia di Camera e Senato, e  si concretizza, contro lo scetticismo di pochi, la delega conferita al Governo dalla legge n. 69 del 2009 in materia di processo civile, che riforma la disciplina della mediazione finalizzata alla conciliazione, con obiettivi di deflazione dei processi e diffusione della cultura del ricorso a soluzioni alternative.

In merito all’avvio di una procedura di mediazione, dunque, dal 20 marzo 2010 sono entrate in vigore le seguenti principali disposizioni:

Avvio di una domanda di mediazione. Una parte può in ogni momento depositare una domanda di mediazione presso un ogranismo accreditato per la conciliazione di una controversia civile e commerciale, anche a causa pendente. Dalla mancata partecipazione alla mediazione senza giustificato motivo della controparte, il giudice può desumere argomenti di prova nel successivo giudizio ai sensi dell’articolo 116 del cpc.

Invito del giudice alle parti. Il giudice, anche in sede di giudizio di appello, valutata la natura della causa, lo stato dell’istruzione e il comportamento delle parti può invitare le stesse a rivolgersi ad un organismo di mediazione.

Obbligo di informazione per l’avvocato. All’atto del conferimento dell’incarico, e non più durante il primo incontro,  l’avvocato è tenuto ad informare per iscritto l’assistito della possibilità di avvalersi della procedura di mediazione. In caso di violazione il contratto è annullabile.

Le disposizioni introdotte dal decreto al fine dichiarato di rafforzare la mediazione come strumento necessario per la diminuzione del carico di controversie gravanti sul sistema giustizia in Italia, “tradiscono” di fatto il crescente riconoscimento del valore aggiunto che l’istituto della mediazione sta ottenendo sia negli ambienti giuridici che tra gli operatori del mercato. E’ indubbio infatti che la mediazione così come riformata dal decreto finisce per coinvolgere tutti i più importanti aspetti della vita quotidiana interessando le materie più diverse. A riguardo occorre sottolineare come dopo solo dodici mesi dall’entrata in vigore del decreto, il tentativo di mediazione presso gli organismi accreditati costituisce infatti condizione di procedibilità nelle controversie in materia di condominio, diritti reali, divisioni, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti, da responsabilità medica e da diffamazione con mezzo della stampa o con altro mezzo idoneo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari.

Tra le novità più rilevanti sono senz’altro da segnalare l’introduzione di incentivi fiscali come l’esenzione dall’imposta di bollo e da ogni tassa o diritto di qualsiasi specie e natura per tutti gli atti, documenti e provvedimenti; dall’ imposta di registro del verbale d’accordo per il valore di 50.000 euro e di un credito di imposta alle parti che corrispondono l’indennità prevista fino a concorrenza di 500 euro. Ma c’è di più. Le conseguenze in sede giudiziale per la mancata partecipazione al procedimento di mediazione, l’eventuale proposta del mediatore in caso di insuccesso e l’impatto di quest’ultima sulle spese processuali, nonché il valore attribuito dalla normativa al verbale d’accordo per l’espropriazione forzata, per l’esecuzione in forma specifica e per l’iscrizione all’ipoteca giudiziale, sono tutte novità rivoluzionarie per l’istituto della mediazione.

 Un ruolo di primordine è altresì assegnato agli organismi di mediazione e, di conseguenza ai mediatori. Si prescrive infatti che le procedure di mediazione possano essere gestite solo dagli organismi pubblici e privati iscritti ad un apposito Registro presso il Ministero della Giustizia e che i mediatori, iscritti alla liste degli organismi accreditati al registro, abbiano frequentato e superato un apposito percorso formativo erogato da enti di formazione accreditati dal Ministero della Giustizia.  A ben vedere appare inconfutabile lo sforzo del legislatore delegato nell’offrire tutti i mezzi necessari per rafforzare la giustizia alternativa e rendere accessibile a tutti uno strumento rapido, economico ed efficace come la mediazione. Tocca ora agli operatori iniziare a fare un <<buon uso>> di questo strumento il cui utilizzo risulta ormai indispensabile.

commenti
  1. Beppe
    27 giugno 2012 a 10:18 | #1

    In merito alla Conciliazione obbligatoria non è altro che una spesa in più perchè non si riesce ad accordarsi :In prima persona in una controversia avendo tutte le carte che potevano attestare la proprietà di un piccolo fondo all’avv.della controparte si è rifiutato di accertare i documenti ,Tutto questo è stato messo al verbale…morale si è in causa al Tribunale

  2. Angelo Piccolo
    18 aprile 2012 a 17:17 | #2

    Ma davvero credete che la mediazione possa ridurre il contenzioso in Italia? non credete che questo è l’ultima invenzione dei politici per portare più soldi del contribuente al ministero? qualcuno mi dice fino ad oggi in che percentuale la mediazione ha risolto casi? Ci siamo resi conto di quanto denaro si butta via per un verbale negativo del conciliatore che non contiene alcun riferimento al diritto REALE?

  3. castelli maria
    2 gennaio 2012 a 15:45 | #3

    sono pensionata ho 62 anni, ho lavorato presso Procura della Repubblica Brescia in qualità di cancelliere, posso avere qualche ruolo
    diverso dal mediatote, in quanto non sono laureata, ma vorrei trovare un lavoro. Grazie

  4. mondoadr
    1 aprile 2011 a 5:39 | #4

    Deve esperire il tentativo di conciliazione prima di ricorrere al giudice.

  5. maria monteleone
    31 marzo 2011 a 16:25 | #5

    per una controversia avente ad oggetto il risarcimento assicurativo derivante dal furto di auto è obbligatorio il ricorso alla mediazione o, per il momento, posso agire direttamente presso il Giudice di Pace ?
    grazie e saluti

  6. Pietro
    26 marzo 2011 a 9:52 | #6

    Buongiorno,
    Vorrei sapere se avvocati “formati” ed “accreditati” con un Organismo Privato,regolarmente iscritto nei registri del Ministero di Giustizia ed autorizzato alla formazione professionale e già aula di conciliazione nazionale, POSSANO, in convenzione col medesimo organismo,dentro il proprio studio associato, aprire un’aula di conciliazione come “polo o articolazione” di questo Ente privato già accreditato e quindi esercitare “anche” in essa la mediazione.
    Nel caso non fosse possibile,tali avvocati, possono esercitare la mediazione in un altro polo o articolazione di analogo Studio privato accreditato anch’esso col Medesimo Organismo?

  7. Francesco
    22 marzo 2011 a 23:45 | #7

    Buonasera,
    Vorrei sapere se con una laurea vecchio ordinamento in scienze della comunicazione è possibile frequentare il corso per mediatore civile.
    Tuttavia,se spetterà poi ai singoli organismi valutare le candidature e decidere discrezionalmente se avviare un rapporto di collaborazione professionale, una laurea diversa dall’ambito in cui si opera può limitare in qualche modo l’attività?nel senso che sicuramente verranno privelegiati i dottori in legge oppure non c’è nessun criterio stabilito atto a favorire determinati?

    Grazie, Francesco.

  8. mondoadr
    2 febbraio 2011 a 13:12 | #8

    @Carlo Gazzola
    il DM 180/2010 richiede all’organismo di mediazione il possesso di una polizza assicurativa per la responsabilità a qualunque titolo derivante dallo svolgimento dell’attività di mediazione. Per quanto rigyarda il mediatore dovrebbe provvedere alla stipula di una polizza di RC professionale individualmente.

  9. carlo gazzola
    2 febbraio 2011 a 11:37 | #9

    sono un agente di assicurazione e vorrei sapere se è vero che il decreto legislativo 4 marzo 2010 n. 28 prevede per i professionisti mediatori una particolare assicurazione sulla responsabilità civile professionale con eventuale un masimale anch’esso dedicato o se è sufficiente inserire un’estensione alla garanzia della polizza RC.

  10. patrizia
    25 gennaio 2011 a 21:55 | #10

    ho vinto una causa civile x apposizioni di termini. La controparte ha fatto ricorso.nel 1991 ho acquistato insieme alla casa un piccolo resede
    delimitato da 2 muri di cinta e da un altro resede recintato da controparte poichè il mio è uno spazio aperto.ho trovato in questo stato di fatto e di diritto e ho parcheggiato nel resede la macchina.
    il mio resede è completo di mq. 20 circa che ne determinano l’estensione e l’ho fatto misurare da un tecnico. le misure risultano 20 mq. con 10 cm in più.La controparte ha presentato il mero estratto di mappa senza nessuna planimetria e un contratto in cui si vede il suo resededisegnato con rettangolo senza l’estensione in mq. Ha fatto ricorso e io ho tanta paura. sono disperata. ha fatto richiesta del c.t.u. e ha chiesto il d.lgs.28/ 2010 ho paura che questo decreto mi sia avverso. faccio presente che la stessa ha recintato di propria iniziativa la sua proprietà. vi prego risponetemi grazie

  11. patrizia
    25 gennaio 2011 a 21:24 | #11

    cosa cambia con il decreto lgs. 28/2008 nel ricorso in appello.
    siamo obbligati ad aderirvi? il controricorso si può fare? e se si
    quali sono i vantaggi e gli svantaggi sia x il vincitore che x il soccombente.con questo decreto può il giudice d’appello respingere il ricorso?

  12. mondoadr
    27 novembre 2010 a 11:44 | #12

    @Antonio Di Zazzo
    Nel nuovo DM 180/2010 non è più prevista in maniera specifica l’incompatibilità tra le funzioni di giudice di pace e di mediatore. Quindi si presume che tale incompatibilità sia decaduta (ma potrebbe essere opportuna una richiesta specifica al Miistero della giustizia).

  13. Antonio Di Zazzo
    26 novembre 2010 a 17:59 | #13

    Sono previste incompatibilità con l’esercizio delle funzioni di Giudice di Pace? Se sì, sono assolute o limitate in ambito territoriale (ad es. circondariale, distrettuale ecc.)? Io sarei interessato ma sono Giudice di Pace e mi pare di ricordare che il vecchio decreto del 2004 prevedesse espressamente un’incompatibilità totale, che però non riesco a ritrovare nel nuovo testo riformato nel 2010 … Distinti saluti e un ringraziamento per la risposta che riceverò

  14. mondoadr
    22 novembre 2010 a 12:18 | #14

    @ Laura Moriconi,

    le voci di un possibile slittamento dell’entrata in vigore dell’obbligatorietà sono originate dal ritardo della pubblicazione del D.M. 180/2010 attuativo del D.LGS. 28/2010. Una volta pubblicato il DM, ogni ostacolo all’attuazione di tutte le norme in esso previste- e dunque pure la condizione di procedibilità- viene meno.

  15. Laura Moriconi
    22 novembre 2010 a 11:29 | #15

    Domanda cruciale: se è stabilito che, dopo dodici mesi dall’entrata in vigore del decreto n.28, il tentativo di mediazione presso gli organismi accreditati costituirà condizione di procedibilità nelle controversie in alcune particolari materie, perché l’entrata in vigore di questa forma di obbligatorietà (ex art.5 del suddetto decreto) non è considerata certa e si temono rinvii, proroghe o deroghe? Quali sono realmente i rischi del non verificarsi di tale entrata in vigore prevista per il 20 o 22 marzo 2011?
    Mille grazie.

  16. mondoadr
    17 novembre 2010 a 19:04 | #16

    @ Marcella
    dipende dal tipo di corso che ha fatto e dall’ente erogatore. Se ha ottenuto un attestato ai sensi del DM 222 ed il corso era di 50 ora è abilitata a esercitare la professione di mediatore. Altrimenti se le ore non sono valide dovrà rifare il corso per intero o se valide ma inferiori a 50 dovra integrare.

Pagine dei commenti
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Le prospettive della mediazione nel settore assicurativo e della responsabilità medica
Il 25 febbraio 2010 si è tenuto a Roma presso il Palazzo Baldassini il primo Focus organizzato dall’Associazione Conciliatori Professionisti (ACP) in...
Il Ghana verso la modernizzazione del sistema giuridico
Non ci sono dubbi che la pratica di risoluzione alternativa delle controversie sia ben radicata nella tradizione del Ghana. Il piccolo stato...
Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legislativo sulla mediazione
Il decreto legislativo in materia di “mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali” è stato approvato...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok