+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
2 maggio 2016
Roma, 5 maggio 2016 - Sala Gonzaga

Pubblica Amministrazione e ADR: obblighi normativi, orientamenti giurisprudenziali, evoluzioni legislative

di Redazione MondoADR
Print Friendly

Pubblica Amministrazione e ADR: obblighi normativi, orientamenti giurisprudenziali, evoluzioni legislative.

Pubblica Amministrazione e ADR

L’evento è stato accreditato dall’Ordine degli Avvocati di Roma che ha deliberato di concedere 3 crediti formativi.

 

Come fare per iscriversi al convegno

Il 5 maggio, presso la Sala Gonzaga – Via della consolazione 4 – , dalle 16.00 alle 19.00, si terrà il convegno “Pubblica Amministrazione e ADR: obblighi normativi, orientamenti giurisprudenziali, evoluzioni legislative“.

La partecipazione all’evento è gratuita e l’iscrizione obbligatoria. Per iscriversi è necessario inviare una mail all’indirizzo: formazione@adrcenter.com.
Per avere maggiori informazioni, contattare telefonicamente lo 06360937.
Per scaricare la locandina dell’evento e avere a portata di mano l’agenda degli interventi, cliccare qui.

 

Una introduzione di Marco Marinaro

“La progressiva diffusione degli strumenti alternativi per la risoluzione delle controversie e, in particolare, della mediazione in ogni settore del diritto civile e commerciale in virtù di una estesa obbligatorietà del tentativo preventivo di conciliazione (D.lgs. 4 marzo 2010, n. 28), assume una peculiare rilevanza per il contenzioso della Pubblica Amministrazione. Gli orientamenti giurisprudenziali che hanno caratterizzato il periodo successivo alla radicale riforma della mediazione attuata nel 2013 con il c.d. decreto “del Fare” tendono a rendere effettivo il procedimento conciliativo soprattutto quando la mediazione è demandata dal giudice. Si consolida un nuovo metodo di composizione delle controversie aventi ad oggetto diritti disponibili e ciò induce ad interrogarsi sulle opportunità offerte da questo rinnovato approccio alle liti con specifica attenzione ai rapporti nei quali sia parte la Pubblica Amministrazione la quale, ormai profondamente trasformata, sconta da un lato talune resistenze culturali e, dall’altro, oggettive difficoltà organizzative.

Per iscriversi al convegno: inviare una email a formazione@adrcenter.com

Tuttavia, vi è ormai diffusa consapevolezza che, a prescindere dall’obbligo di mediazione previsto dalla legge, preferire sempre e comunque la via giudiziale espone l’ente pubblico alla difesa in più gradi di giudizio con tempi, costi e risultati tutti da valutare. E la magistratura erariale e quella ordinaria sembrano prestare sempre maggiore attenzione al corretto utilizzo della procedura mediativa che non può restare del tutto pretermessa. Ma altri spazi potranno aprirsi ai sistemi di ADR con l’adozione da parte del Governo del decreto delegato (il cui termine scade il 18 aprile 2016) per il recepimento delle Direttive europee sull’aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali.

Per maggiori informazioni sul convegno contattare lo 06 360 937.

Ed infatti la legge delega (L. 28 gennaio 2016, n. 11) prevede tra i princìpi e i criteri direttivi da attuare la razionalizzazione dei metodi di risoluzione delle controversie alternativi al rimedio giurisdizionale, anche in materia di esecuzione del contratto.

Il favor espresso dal Presidente del Consiglio di Stato Giorgio Giovannini nell’audizione al Senato per quelli che ha definito «i rimedi alternativi di tutela» costituisce un importante viatico nella fase delegata in corso si svolgimento: favor che si collega ad «un generale orientamento dell’Unione europea favorevole a queste forme di rimedi», anche perché in tal modo si «potrebbe contribuire a realizzare una certa deflazione del contenzioso giudiziario».

 

 

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Sanzionata dal giudice la parte convenuta che non ha voluto proseguire oltre il “primo incontro” di mediazione
Questo è il principio espresso in una nuova ordinanza del dott. Fabrizio Pasquale, Giudice presso il Tribunale di Vasto, non nuovo a questi...
Anche il Regno Unito verso il modello italiano di mediazione
Lord Neuberger, presidente della Corte Suprema del Regno Unito, si è espresso a favore dell’estensione del primo incontro di mediazione...
La mediazione “Guidata” dal Giudice
La mediazione, come ho scritto e detto molte volte, ha moltissime potenzialità, in gran parte ancora inesplorate. Naturalmente chi sperimenta e apre...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok