+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
1 dicembre 2014
Consigli da Mediatore ad Avvocato

Come preparare una memoria per la mediazione

di Martin Quinn
Print Friendly

Martin Quinn

Ricordatevi che la sessione di mediazione è la vostra ultima possibilità di trovare un accordo con la controparte prima di iniziare, o proseguire, una lunga causa. Occorre quindi preparare adeguatamente l’incontro insieme al vostro cliente inviando una memoria al mediatore e al collega di controparte. Di seguito vi presentiamo alcuni suggerimenti sulle “cose da fare” e “cose da non fare” nel preparare la memoria di mediazione, dal punto di vista del mediatore.

Gestire al meglio il tempo | Gioca di anticipo.
Consegnare la memoria con il dovuto anticipo rispetto alla data fissata per l’incontro di mediazione può fare la differenza: consente al collega di controparte di avere il tempo per farla leggere al proprio cliente, il quale, a sua volta, potrà farne una valutazione e controbattere. Consente, inoltre, al mediatore di avere il tempo necessario per fare un’analisi e di discutere con voi il caso.

Gestire il tono |Sii duro con i fatti, ma tenero con le persone”.
Adottare un tono collaborativo ed evitare di attaccare la controparte sono passi fondamentali. Fisher e Ury lo dicono in modo esemplare in Getting to Yes “Sii duro con le argomentazioni, ma tenero con le persone”. Discutere i fatti e la legge con autorevolezza e persuasione, vi permetterà di far emergere gli aspetti vincenti del vostro caso. Sono da evitare le accuse: lasciate parlare i fatti e la legge.

Gestire le debolezze | Essere trasparenti per essere credibili.
Essere onesti sulle debolezze del vostro caso vi permetterà di aumentare la vostra credibilità nei confronti del mediatore e della controparte. Niente è in grado di distruggere ogni credibilità più di quanto lo possa fare una debolezza appresa dal mediatore tramite la memoria della controparte.

Gestire la lunghezza della memoria | Sintesi e incisività sono le parole chiave.
La memoria deve essere breve, 10 -15 pagine sono sufficienti. Deve iniziare con un argomento che sappia attirare l’interesse, e seguire con il racconto di una storia. Deve contenere i fatti pertinenti e spiegare i punti chiave. Deve contenere lo stato procedurale del caso e lo storico della negoziazione se pertinente. È necessario evitare di citare un’infinità di giurisprudenza.

Gestire i documenti | Selezionare, sintetizzare, allegare.
Allegare tutti i documenti chiave: il contratto, lettere importanti, e-mail, una timeline o una cronologia, referti medici, diagrammi e foto. Se avete lunghi documenti, evidenziate o estraete le parti più importanti. Essere selettivi può fare la differenza: il mediatore non può ricordare tutto, ma può ricordare i documenti più importanti e questo potrebbe essere molto utile.

Condividere, condividere, condividere.
Scambiate sempre la memoria con la controparte. Se la controparte si rifiuta di condividere la propria, voi evitate di fare altrettanto. È necessario ricordare che il principale destinatario della memoria è il cliente della controparte, per cui è fondamentale cogliere ogni opportunità di argomentare il caso in modo persuasivo. È il cliente che prenderà una decisione in merito all’accordo. Impostare un tono appropriato vi permetterà di evitare malintesi.

Facilitare il mediatore | Fornite tutti i dettagli pertinenti.
Fornite al vostro mediatore una memoria confidenziale, lettere, email o chiamate nelle quali trattate le strategie e gli obiettivi per raggiungere un accordo, e raccontate i retroscena e ogni aspetto personale pertinente riguardante i partecipanti, o qualsiasi altra cosa che per il mediatore possa essere utile da tenere sin da subito in considerazione.

Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese nella Newsletter di JAMS

________

Martin Quinn è un mediatore di JAMS basato a San Francisco. E’ specializzato nel risolvere complesse mediazioni di cause collettive ed è stato nominato frequentemente come “Special Master” in casi federali e statali. Può essere contattato all’indirizzo mquinn@jamsadr.com

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Chi è chi della mediazione internazionale
Pubblicata l’edizione 2014 di Who’s Who Legal: Mediation, che ogni anno, dopo mesi di ricerche compiute intervistando studi legali e mediatori...
Nuove incompatibilità per i mediatori anche dal Codice Deontologico Forense
E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ed entrerà in vigore dal 16 Dicembre prossimo, il nuovo Codice Deontologico Forense. Di seguito gli...
La saga italiana dell’ADR spiegata agli stranieri: Machiavelli o la totale assenza di un piano?
È un piano machiavellico di alcuni leader dell’avvocatura per arrivare alla “sterilizzazione” di ogni forma di ADR in Italia, completando così un...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok