+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
10 aprile 2008

Conosci il tuo nemico

di Luigi Cominelli
Print Friendly

Oggigiorno le librerie sono piene di libri su come negoziare in maniera efficace. Nel numero del 3 maggio scorso, l’Economist ci fornisce in anteprima i risultati di alcune recenti ricerche nel campo della negoziazione. Il segreto per ottenere il massimo sulla trattativa sembrerebbe essere sempre e comunque comprendere nella migliore maniera possibile la persona che ci troviamo di fronte.

Una ricerca pubblicata recentemente su Psychological Science ci illustra i risultati di alcuni esperimenti condotti da Adam Galinsky e da alcuni colleghi della Kellogg School of Management (Northwestern University di Chicago) sul cambiamento di prospettiva e sull’empatia nel negoziato.

L’abilità di cambiare prospettiva è la capacità di considerare le cose da un altro punto di vista, mentre l’abilità di mostrare empatia significa essere in grado stabilire un legame emotivo con qualcuno. I ricercatori hanno condotto diversi test psicologici su 150 studenti di un Master in Business Administration. In primo luogo hanno provato una simulazione di negoziato, istruendo il venditore e il compratore in base a un prezzo di riserva minimo e massimo che in teoria avrebbe impedito qualsiasi genere di accordo. In questo modo, solo un negoziato creativo che avesse fatto leva su motivi e interessi non strettamente monetari avrebbe potuto funzionare. Ben un terzo dei negoziati in effetti non è andato a buon fine, e l’analisi ha dimostrato che l’insuccesso si verificava in particolare quando il compratore non era capace di cambiare la sua prospettiva e di assumere quella della controparte.

Nella seconda fase, l’esperimento è stato ripetuto creando tre gruppi: nel primo, ai compratori veniva chiesto di concentrarsi in particolare nel capire la prospettiva del venditore, nel secondo ai compratori veniva chiesto di sforzarsi nel comprendere i suoi sentimenti e le emozioni, mentre il terzo gruppo fungeva da controllo. Anche in questo caso, l’approccio del cambiamento di prospettiva ha avuto nettamente la meglio (76% di accordi raggiunti), prevalendo sull’atteggiamento empatico (54% di accordi) e sul gruppo di controllo (39%).

Infine, nel corso dell’ultima simulazione, l’esperimento ha avuto per oggetto un colloquio di lavoro tra selezionatore e aspirante candidato. Anche in questo caso è sembrata prevalere la strategia del cambiamento di prospettiva: il 40% delle coppie selezionatore-candidato hanno ottenuto il guadagno congiunto maggiore. Il risultato più interessante è che quando anche uno solo dei negoziatori ha la capacità di cambiare prospettiva, entrambi ottengono un risultato migliore.

da: It pays to get inside your opponents’ heads rather than their hearts, The Economist, maggio 2008

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
ADR Center va in Nigeria
Dovrebbe concludersi a metà aprile la fase di trattativa del progetto denominato “Expanding Alternative Dispute Resolution (ADR) Institutions and...
L’American Bar Association interviene sulla qualità  della conciliazione
Dopo avere escluso che allo stato attuale sia possibile creare un sistema di certificazione dei conciliatori a livello nazionale, la sezione...
L’Idaho adotta l’Uniform Mediation Act
Il governatore dell’Idaho Otter ha recentemente recepito con una legge dello stato l’Uniform Mediation Act (UMA), con l’effetto di proteggere con il...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok