+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
20 febbraio 2009

La Conciliazione: scienza e arte

di Rachele Neferteri Gabellini
Print Friendly
Quali sono le caratteristiche idonee a distinguere un bravo conciliatore? Le circostanze che possono interferire nel corretto svolgimento di una conciliazione sono innumerevoli ma un bravo conciliatore ha generalmente capacita’ e qualita’ che possono essere identificate a priori. La conciliazione infatti puo’, per certi versi, definirsi una scienza e un’arte che si esprime non solo mediante l’applicazione di specifiche tecniche ma anche e soprattuto come manifestazione di doti e attitudini personali.
Un bravo conciliatore deve essere pronto a recepire e valutare le informazioni e allo stesso tempo deve essere capace di interpretarle. Deve tenere conto di quanto gli viene riferito e allo stesso tempo deve valutarne l’attendibilita’. Il conciliatore non deve limitarsi ad ascoltare le parti ma deve essere in grado di comprenderle, tenendo conto ad esempio della gestualita’ e del generale comportamento, e di gestirle, stabilendo ad esempio se e quando interrompere la sessione di conciliazione.
Altre qualita’ necessarie sono la pazienza e il tatto, elementi indispensabili per creare “valore” nel corso della conciliazione, ad esempio per superare le situazioni di impasse o ottenere la fiducia dalle parti coinvolte. Il che implica anche la capacita’ di agire sempre in maniera coerente e credibile.
 Il Conciliatore deve inoltre essere capace di mantenere il controllo e il distacco necessari ad assicurarne la neutralita’ e imparzialita’ nel corso del procedimento e deve essere flessibile e capace di adattarsi alle diverse personalita’. L’empatia e’ una dote fondamentale, in quanto consente di comprendere la posizione delle parti per guidarle eventualmente verso una soluzione comune. L’empatia e’ infatti il corollario e il presupposto della “propositività ‘”. Se il conciliatore e’ capace di comprende la posizione delle parti potra’ proporre delle “opzioni”, delle soluzioni mutualmente accettabili e potrà  supportare in maniera tangibile il procedimento e le parti verso la risoluzione della controversia.
Da ultimo, ma non meno rilevanti, la presenza e la personalita’ del conciliatore giocano un ruolo fondamentale nella dinamica del procedimento. L’organizzazione, la professionalita’, il linguaggio, la gestualita’, l’efficienza del conciliatore sono percepiti direttamente e indirettamente dalle parti e sono pertanto elementi insiti del bravo conciliatore.
 
commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Relazione annuale sullo stato della giustizia in Italia
Il 27 gennaio scorso, nell’aula di Montecitorio, il ministro Guardasigilli Angelino Alfano ha sottolineato nella sua relazione annuale sullo stato...
Roma, 11-12 giugno 2009
Michael Tsur: dagli studi di LA7 alle aule di ADR Center
L’intervista esclusiva a Michael Tsur, andata in onda su La7 il 15 dicembre 2008 con il titolo significativo “La libertà per gli ostaggi”, ha avuto...
Roma 20-21 ottobre 2009
Deal Making Training Forum Rome Edition 2009
Rinviata ad ottobre la prima edizione del Deal Making Training Forum, rivolto a manager, uomini d’affari, mediatori e avvocati provenienti da tutto il...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok