+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
12 giugno 2003

Importanza e necessità  della formazione di manager, avvocati e professionisti nel campo della ADR

di De Palo, G. - Bernardini, P.
Print Friendly

Sino ad ora, in Italia, le aziende hanno pressochè interamente trascurato la formazione interna in materia di negoziazione e di ADR (acronimo di Alternative Dispute Resolution). Tale fenomeno può essere in parte attribuito all’assenza nel nostro paese di una vera e propria cultura dell’ADR, e in parte alla diffusa credenza che saper negoziare sia una capacità  innata. Tuttavia, l’interesse per queste materie e la necessità  di conoscere le tecniche di risoluzione alternativa delle controversie è presto destinato a crescere rapidamente, sull’onda di quello che alcuni chiamano il movimento per la “privatizzazione” della risoluzione delle controversie commerciali.

In Italia, come già  all’estero, si assiste infatti ad una larga diffusione delle procedure di ADR sia su base contrattuale che legislativa. Da un lato, è sempre più frequente per manager ed avvocati d’impresa sentirsi proporre l’ADR dalle società  con cui hanno stretto rapporti d’affari, in virtù di clausole contrattuali che ne prevedono l’esperimento. Dall’altro lato, per fare fronte alla crisi delle forme tradizionali di giustizia, il contesto normativo nazionale si sta sempre più arricchendo di provvedimenti, quali la riforma del diritto societario ed il noto disegno di legge “Cola” sulla conciliazione stragiudiziale professionale, miranti a favorire la risoluzione non contenziosa delle liti commerciali.

In particolare, nell’ottica del legislatore, le procedure di ADR diventerebbero una componente stabile del sistema della giustizia italiana. Gli avvocati, stando ad esempio alla proposta “Cola”, avrebbero persino l’obbligo di informare i loro clienti circa l’esistenza di possibilità  conciliative della controversia ed a comprovare la loro proposta attraverso un’apposita dichiarazione nel caso in cui tale opportunità  sia valutata negativamente

Per le ragioni di importanza ed attualità  sopra esposte, è altamente raccomandabile introdurre corsi di formazione sulle tecniche di risoluzione alternativa delle controversie nell’ambito di programmi di aggiornamento giuridico-economico.

Manager, avvocati e professionisti in genere non possono pensare di improvvisarsi negoziatori. Al contrario, la risoluzione alternativa delle controversie richiede studio e pratica, non diversamente da quanto si fa per affinare altre attitudini umane. L’ignoranza di alcune “naturali” resistenze psicologiche potrebbe loro impedire di trovare soluzioni soddisfacenti per entrambe le parti coinvolte nel negoziato, frustrando quindi gli sforzi volti ad introdurre nell’ordinamento italiano forme alternative – e tutte incentrate sul negoziato cd “assistito” – di composizione dei conflitti. Queste categorie professionali, infatti, non possono pensare di delegare interamente al terzo neutrale il ruolo di ricercare soluzioni che “creino valore” per l’impresa. Il conciliatore, notoriamente, non ha alcun potere decisionale; difficilmente, quindi, egli potrà  far accettare ai litiganti soluzioni diverse da quelle che esse stesse siano state in grado di portare, persuasivamente, sul tavolo negoziale.

(Giuseppe De Palo, Paola Bernardini)

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Conciliazione stragiudiziale professionale: nuovi ruoli e nuove opportunità  per i professionisti
Straordinaria partecipazione all’incontro sulla conciliazione stragiudiziale professionale, organizzato dal Sindacato Avvocati di Bari in...
La prima risposta del Parlamento europeo al Libro verde sull’ADR
Nel suo recente rapporto approvato dalla Commissione Giustizia e Mercato Interno, Diana Wallis, presidente dei Liberal-Democratici al Parlamento...
L’accordo sulla responsabilità  sociale d’impresa (Rsi), firmato da Italia e Gran Bretagna, fa ben sperare i sostenitori dell’ADR
Il Ministro del Welfare Maroni ed il suo collega inglese Timms hanno recentemente dichiarato di volere promuovere strategie comuni per lo sviluppo...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok