+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
18 gennaio 2006

Il “conflitto formativo”per imparare a conciliare

di Ana-Maria Fagetan
Print Friendly

Il conflitto formativo è un procedimento volontario e confidenziale che combina i metodi di ADR per la risoluzione delle liti con le esigenze della formazione. L’obiettivo dei partecipanti al conflitto formativo non è solo la risoluzione del conflitto, ma anche la prevenzione, la comunicazione efficace nelle situazioni difficili e in generale la gestione della controversie piuttosto che la sua eliminazione.

Ogni partecipante al conflitto formativo è accompagnato da un mentore. Il mentore è una persona esperta che condivide con i più giovani i benefici della sua esperienza. Egli fornisce consigli, informazioni e assistenza nella gestione dei conflitti. A differenza della conciliazione, durante la quale il conciliatore agevola la discussione tra due o più parti, il conflitto formativo non coinvolge nel procedimento la controparte.

Anche il conciliatore può instaurare un conflitto formativo negli incontri di preparazione alla conciliazione vera e propria (ad esempio nel caucus), ma contrariamente al mentore, il suo obiettivo non è di aiutare una parte a sviluppare le proprie capacità  nel conflitto. Il mentore, difatti, aiuta le persone coinvolte a capire bene il procedimento e a identificare interessi comuni e conseguenze delle proprie azioni, a pensare alle possibili alternative e a ideare strategie e soluzioni. Il conflitto formativo può essere usato anche nella fase immediatamente successiva a una conciliazione.

Il conflitto formativo è pertanto un processo dinamico che trova molteplici applicazioni e che può essere usato in sostituzione o congiuntamente ad altri tipi di formazione, alla stessa conciliazione o ad altri processi di risoluzione dei conflitti. Il conflitto formativo rappresenta in buona sostanza una conciliazione compiuta con l’assistenza di una persona esperta, che ci aiuta a razionalizzare e comprendere quanto sta avvenendo nel conflitto. Fornisce supporto, assistenza ed incoraggia le persone a migliorare le proprie conoscenze e le proprie capacità  per la risoluzione dei conflitti, con un processo che per quanto possibile viene ritagliato sulle esigenze del singolo.

Ana-Maria Fagetan
da Conflict Coaching – When It Works And When It Doesn’t, di Cinnie Noble

 

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Rabat, 5 – 6 dicembre 2005 – Casablanca, 8 – 9 dicembre 2005
Rèsolution des Conflits Commerciaux Internationaux
Massiccia partecipazione di esperti in campo legale e commerciale e imprenditori di importanti aziende locali ai due workshop organizzati dal...
Un programma di conciliazione contro l’uragano
Lo stato della Florida, colpito quest’anno da una successione di quattro uragani nel giro di due soli mesi, si appresta ad affrontare le...
Roma, 14 dicembre 2005
Ruolo del consulente tecnico e funzione conciliativa
Il 14 dicembre 2005, presso il Palazzo di Giustizia, il Forum delle Professioni del Lazio ha organizzato un convegno per l’approfondimento della...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok