+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
9 ottobre 2002

Halliburton e l’ADR: in 7 anni 4000 casi risolti

di Lazzeri, O.
Print Friendly

Halliburton è una grande società  nordamericana che opera prevalentemente nel settore petrolchimico, le cui attività  si estendono anche ai servizi. I rapporti con i propri dipendenti rivestono, quindi, un ruolo fondamentale ai fini del buon andamento della compagnia.

Nel 1992 la società  venne coinvolta in un procedimento per molestie sessuali sul luogo di lavoro, con forte richiesta di risarcimento danni, vicenda che rese evidente come i procedimenti giurisdizionali nei rapporti tra datore di lavoro e lavoratore fossero troppo onerosi.

I costi per sostenere i vari procedimenti, infatti, arrivavano a superare di gran lunga quanto corrisposto a titolo di risarcimento. Le ingenti spese processuali, inoltre, gravavano in modo eccessivo sul lavoratore. Vi era poi da considerare la durata dei processi che spesso si risolvevano dopo anni, quando ormai l’interesse alla causa è diminuito per entrambe le parti. Basti pensare che in molti casi il lavoratore ormai prestava la propria opera presso una nuova società , quando il caso veniva risolto. Stress, sofferenze morali, aspettative di giustizia e di riconoscimenti deluse erano infine i costi umani da affrontare.

La spinta finale a ricercare una soluzione alternativa ai procedimenti giurisdizionali per i dirigenti di Halliburton fu, però, il processo per molestie sessuali surriferito. Il procedimento, durato 5 anni, si è concluso favorevolmente per la società  ma le è costato circa $ 450,000 in spese legali.

Basandosi su una pur limitata esperienza in materia di ADR, nel 1993 Halliburton giunse alla approvazione finale di un programma di ADR da applicarsi a tutte le controversie riguardanti i propri dipendenti: il programma venne denominato DPR – Dispute Resolution Program. Vediamone alcuni punti focali.

Innanzitutto, il DPR è applicabile a tutti i livelli. È prevista una possibilità  di scelta tra 4 tipi di modelli di risoluzione, che garantiscono la riservatezza e l’opportunità  di “ottenere giustizia”, incoraggiando la comunicazione, la negoziazione e la conciliazione. Per garantire al lavoratore, considerato la parte più debole, un alto grado d’indipendenza, il DPR offre la possibilità  per quest’ultimo di farsi assistere da un consulente legale di sua scelta. Tutti i risultati ottenuti con l’applicazione del DPR vengono raccolti per essere valutati a fini statistici.

Analizzato da un occhio più attento, il DPR prevede 4 modelli tra i quali il lavoratore può liberamente scegliere per risolvere la propria controversia insorta nei confronti della società . La scelta di un modello non esclude, anche in un momento successivo, il passaggio ad un altro.

I modelli previsti sono:

1. “The company’s open door policy” prevede la possibilità  per il dipendente di rivolgersi, per qualunque tipo di questione, al proprio diretto superiore o ad un dirigente anche di grado più alto.
2. “The conference”, grazie alla quale il dipendente può discutere con un esperto del DPR la propria questione, e scegliere, consigliato da quest’ultimo, quale tra le possibilità  offerte sia la più idonea
3. “Formal mediation”, ossia una conciliazione formale diretta da un conciliatore della AAA.
4. “Formal arbitration”, se la controversia viene affidata ad un arbitro.

Il DPR viene, oramai, correntemente utilizzato da circa 7 anni, con la conseguenza che oltre 4.000 dipendenti se ne sono avvalsi. Di questi 4.000 casi, ben il 75% ha trovato una soluzione nell’arco temporale di 8 settimane dal sorgere della controversia. La stragrande maggioranza dei casi è stata risolta con procedimenti interni, fra cui conciliazioni formali e informali.

Per quanto riguarda i risultati raggiunti in termini di casi vinti, si può dire che questi siano stati simili ai risultati relativi alla via giurisdizionale. Uno dei vantaggi più certi è, comunque, quello attinente al notevole risparmio di spese legali, sia per quanto riguarda la società  che i dipendenti.

L’applicazione del DPR soddisfa interamente le parti, che con queste tecniche hanno la possibilità  di essere più ascoltate e di veder soddisfatte le loro aspettative di giustizia. Il sistema ADR permette, infatti, alle parti di raccontare una verità  più ampia di quella processuale permessa dal procedimento giurisdizionale e di ottenere molto di più in termini di “giustizia del caso concreto”.

(Ornella Lazzeri)

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
L’errore come vizio della volontà  pregiudica la confidenzialità  di un accordo conciliativo
Dopo avere intrapreso la strada della conciliazione per risolvere il problema della quantificazione dei danni provocati durante un incidente...
Avviato il dibattito sul Libro verde in materia di ADR
Il CEDR (Centre for Effective Dispute Resolution, Londra) ha reso pubblico un documento nel quale fornisce delle risposte e dei commenti alle domande...
Il Gambia incrementa il ricorso alle procedure ADR
A Banjul, capitale del Gambia, da poche settimane è stato inaugurato un Centro per la conciliazione e la pace (Mediation and Peace Center). Oltre a...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok