+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
28 luglio 2008

Casablanca, 14-18 luglio 2008 Rabat, 9-11 luglio 2008
Alternative Dispute Resolution/Mediation Pilot Project for Morocco

di Redazione MondoADR
Print Friendly

 


La moderna Casablanca e l’imperiale Rabat hanno fatto da cornice alle attività di training, da poco concluse, nell’ambito del progetto Alternative Dispute Resolution/Mediation Pilot Project for Morocco.

Il progetto finanziato dall’International Finance Corporation (World Bank Group), che ADR Center si è aggiudicata, fa parte delle azioni che il consorzio delle aziende private Private Enterprise Partnership (PEP), della regione del Middle East and North Africa (MENA), porta avanti in quest’area per contribuire al miglioramento del clima economico nel settore privato.

PEP-MENA, in partenariato con l’Agenzia americana per la Cooperazione allo Sviluppo (USAID), infatti, ha identificato un forte bisogno di un progetto pilota sui temi dell’ADR e della conciliazione che possa servire in futuro come modello per il Marocco e per i paesi MENA.

Per dare una risposta concreta a questo bisogno sono stati organizzati dei corsi di formazione base e avanzati a Rabat e Casablanca per formare i futuri Mediation Trainers.

I lavori si sono aperti l’8 luglio a Casablanca con un workshop dove, alla presenza dei Ministri del Commercio e di Giustizia del luogo, dei Rappresentanti dell’IFC e dell’USAID, oltre che di un panel di rappresentanti di Associazioni ed Enti Locali, si è discusso sull’esperienza internazionale in materia di conciliazione commerciale. In tale occasione, sono stati analizzati i casi della Colombia e del Pakistan, presentati rispettivamente dal Direttore del Centro della Camera di Commercio del Bogotà, Rafael Guillermo Bernal Gutierrez, e dal Rappresentante del Centro di Mediazione di Karachi (Pakistan) presso l’IFC, Isfandyar Ali Khan.

I trainers – tra cui Giuseppe De Palo, Helena De Backer, Avi Schneebalg, Antoine Adeline, Olivier Moreno – impegnati a Rabat dal 9 all’11 luglio negli advanced trainings e a Casablanca dal 14 al 18 luglio nei consolidated training, hanno fornito ai partecipanti importanti nozioni in merito ai conflitti commerciali e alla loro risoluzione attraverso i metodi di ADR e la procedura di conciliazione, che sono state immediatamente applicate grazie allo strumento della simulazione di casi reali.

I training, quindi, hanno dato la possibilità ai partecipanti, tutti professionisti provenienti da diversi settori (bancari, esperti contabili, avvocati, giuristi, notai, consulenti), di comprendere specificità e pratiche della conciliazione e in più hanno rappresentato un’occasione di incontro con grandi esperti internazionali della materia i quali hanno anche illustrato le recenti tendenze nel campo della conciliazione commerciale.

 

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Il fattore psicologico nella conduzione delle controversie
L’irrazionalità emotiva delle parti e la mancanza di informazioni sono elementi intrinseci della controversia e spesso inducono le parti a...
Mediazione internazionale nei conflitti umanitari
Il numero del 5 luglio dell’Economist dedica un ampio servizio all’operato delle associazioni non governative che si occupano di...
“Salvare la faccia”per negoziare meglio
La necessità di gestire la propria immagine in ogni procedimento conciliativo è un punto fermo per le parti. Imparare a gestire, con tecniche...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok