+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
3 luglio 2007

Conciliazione e condanna alle spese nel giudizio

di Veronica Alvisi
Print Friendly
Due recenti sentenze in tema di conciliazione sono state emesse nei primi mesi di quest’anno dalle giurisdizioni superiori del Regno Unito.Le pronunce affrontano il problema della condanna al pagamento delle spese processuali nel caso di liti per la risoluzione delle quali sia stata utilizzata anche la conciliazione.
In particolare, ciò che emerge da queste decisioni è che partecipare alla conciliazione non basta ad escludere di per sé la condanna alle spese, occorrendo altresì che nel corso del procedimento la parte abbia tenuto un comportamento collaborativo, corretto ed effettivamente teso a risolvere la lite (senza, com’è ovvio, spingersi fino al punto da configurare un’obbligazione di risultato).
Le sentenze in commento rivestono particolare interesse perché affrontano questioni in qualche modo suscettibili di replica anche all’intermo del nostro ordinamento, e perché offrono interessanti spunti di riflessione su come tali questioni potrebbero essere risolte nel diritto interno.
Nel primo caso, Palfrey v. Wilson, la Corte d’Appello non ha concesso il beneficio delle spese all’attore soccombente in una causa di vicinato, nonostante in corso di causa egli si fosse dichiarato disposto a tentare la conciliazione. Il convenuto, infatti, aveva offerto una somma di denaro che sarebbe dovuta servire a coprire in via forfetaria e transattiva anche le spese legali. L’attore aveva declinato l’offerta, sovrastimando, nella valutazione della Corte, le proprie prospettive di vittoria ed assumendo un comportamento processuale piuttosto aggressivo. Per questo motivo, la Corte ha deciso di condannarlo al pagamento delle spese processuali, sostenendo tra le righe che, nel caso di specie, tenuto conto del comportamento delle parti, la proposta dell’attore di conciliare appariva chiaramente come una strategia di captatio benevolentiae nei confronti del giudice, e non rispecchiava quindi un reale atteggiamento di collaborazione e la volontà di risolvere la lite nel miglior modo possibile.
Nel caso Rowallan Group Ltd v. Edgehill Portfolio No. 1 il comportamento dell’attore condannato alle spese è quasi parossistico. Tra le parti, infatti, era iniziato un procedimento di conciliazione ante causam. Nel corso di tale procedimento, l’avvocato dell’attore aveva depositato un atto di citazione senza avvisare la controparte, per arrivare primo e cogliere l’altro avvocato in contropiede. Quando ha cominciato ad emergere con sufficiente chiarezza che la conciliazione non sarebbe sfociata in un accordo, l’avvocato dell’attore si è spinto fino a chiedere al conciliatore di appurare se il legale di controparte sarebbe stato disponibile come destinatario delle notifiche di rito per il suo assistito. Risulta difficile pensare ad un comportamento più incompatibile con la buona fede in conciliazione. Preparasi per la causa davanti al giudice ordinario sin dal procedimento di conciliazione al fine di acquisire un vantaggio processuale appare ictu oculi di una scorrettezza da manuale. Proprio per questo il giudice, che pure non si è spinto a parlare tecnicamente di mala fede, ha ritenuto l’atteggiamento dell’attore passibile di condanna alle spese ed ha contestualmente auspicato che una condotta così singolare resti un caso isolato nella storia delle procedure di ADR.
da Tony Allen, Indemnity and standard basis costs, settlements and bad faith
commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Più semplicità  per le controversie di lavoro
L’atteso Rapporto Gibbons sulla risoluzione delle controversie di lavoro, commissionato dal ministro Alistar Darling per il Department for Trade and...
Roma, 4-5-6 e 12-13 luglio 2007
Forma e sostanza della conciliazione professionale
Si conclude in positivo il primo semestre del 2007, che ha visto il lancio della nuova struttura didattica progettata appositamente da ADR Center per...
Roma, 27 settembre 2007
“Massimizzare i risultati del negoziato e delle procedure di ADR”e “Gestire efficacemente l’arbitrato internazionale”
ADR Center promuove due straordinarie Master Class con docenti d’eccezione provenienti da Europa, Stati Uniti e Medio Oriente. I due importanti...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok