+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
20 febbraio 2005

Conciliazione àœber Alles

di Enrico Maria Caroli
Print Friendly
Negli ultimi anni la Germania ha registrato un aumento del ricorso all’ADR da parte delle grandi imprese. Questo è il risultato di una recente ricerca condotta dal Dispute Analysis and Investigations Department di PricewaterhouseCoopers e dalla European University Viadrina di Francoforte sull’Oder.
L’obiettivo della ricerca era di analizzare l’atteggiamento degli uffici legali di 158 grandi società verso il problema della risoluzione delle controversie, e individuare i punti critici per effettuare interventi più mirati. Lo studio, condotto attraverso questionari distribuiti agli uffici legali, ha permesso di calcolare la frequenza con cui le aziende fanno utilizzo della negoziazione diretta, dell’arbitrato, dell’expert determination, della conciliazione e del contenzioso di tipo tradizionale.
Negoziazione diretta e ricorso al giudice ordinario sono risultati i metodi più utilizzati. Lo studio ha dimostrato come sovente la scelta finisca per ricadere sulle vie giudiziarie anche quando l’impiego delle procedure di ADR sarebbe considerato più vantaggioso. Per il 17% delle imprese il giudizio ordinario è l’unico metodo di risoluzione delle dispute praticato. Tuttavia, l’80% delle compagnie interpellate hanno fatto ricorso almeno una volta alle procedure di risoluzione alternativa, e la conciliazione risulta più popolare anche dell’arbitrato e dell’expert determination.
I dati mostrano che la decisione di ricorrere ai metodi alternativi si riscontra più spesso nelle società di grandi dimensioni. Questo non dipende solo dalla presenza di clausole di ADR nei contratti standard, ma anche dall’organizzazione interna e dalla qualità dei legali.
Gli svantaggi del ricorso al giudice ordinario sono, infatti, ben noti alla gran parte degli interpellati. Il giudizio complessivo espresso dagli intervistati è che le procedure migliori sono la negoziazione diretta, la conciliazione e l’expert determination. L’arbitrato e il contenzioso ordinario sono considerati, invece, meno efficaci.
A influenzare la scelta tra le varie procedure vi sono principalmente il valore della controversia, la previsione di un possibile giudizio e l’esigenza di non interrompere le relazioni con la controparte. In questo senso, la conciliazione si farebbe preferire quando le parti hanno intenzione di continuare a realizzare affari insieme, mentre la negoziazione diretta e il contenzioso ordinario costituirebbero la soluzione più adatta quando è in gioco una somma rilevante. Dai pareri degli interpellati emergono alcuni punti di notevole importanza. Nelle grandi aziende è sempre più sentito il bisogno di una cooperazione stretta tra il management e il settore legale. Ciò che più rileva nella scelta di una procedura alternativa è la valutazione corretta dei rischi, mentre i costi non rappresentano un fattore decisivo. Ma anche la volontà delle parti di continuare ad intrattenere rapporti commerciali ha un’importanza fondamentale.
In sostanza, l’analisi evidenzia che per ottenere un risultato finale complessivamente più redditizio occorre essere concilianti e fare delle concessioni.
Enrico Maria Caroli Tratto da “Commercial Dispute Resolution In Germany”, di Nicola Neuvians e and Michael Hammes, www.Mediate.com

Negli ultimi anni la Germania ha registrato un aumento del ricorso all’ADR da parte delle grandi imprese. Questo è il risultato di una recente ricerca condotta dal Dispute Analysis and Investigations Department di PricewaterhouseCoopers e dalla European University Viadrina di Francoforte sull’Oder.

L’obiettivo della ricerca era di analizzare l’atteggiamento degli uffici legali di 158 grandi società verso il problema della risoluzione delle controversie, e individuare i punti critici per effettuare interventi più mirati. Lo studio, condotto attraverso questionari distribuiti agli uffici legali, ha permesso di calcolare la frequenza con cui le aziende fanno utilizzo della negoziazione diretta, dell’arbitrato, dell’expert determination, della conciliazione e del contenzioso di tipo tradizionale.
Negoziazione diretta e ricorso al giudice ordinario sono risultati i metodi più utilizzati. Lo studio ha dimostrato come sovente la scelta finisca per ricadere sulle vie giudiziarie anche quando l’impiego delle procedure di ADR sarebbe considerato più vantaggioso. Per il 17% delle imprese il giudizio ordinario è l’unico metodo di risoluzione delle dispute praticato. Tuttavia, l’80% delle compagnie interpellate hanno fatto ricorso almeno una volta alle procedure di risoluzione alternativa, e la conciliazione risulta più popolare anche dell’arbitrato e dell’expert determination.
I dati mostrano che la decisione di ricorrere ai metodi alternativi si riscontra più spesso nelle società di grandi dimensioni. Questo non dipende solo dalla presenza di clausole di ADR nei contratti standard, ma anche dall’organizzazione interna e dalla qualità dei legali.

Gli svantaggi del ricorso al giudice ordinario sono, infatti, ben noti alla gran parte degli interpellati. Il giudizio complessivo espresso dagli intervistati è che le procedure migliori sono la negoziazione diretta, la conciliazione e l’expert determination. L’arbitrato e il contenzioso ordinario sono considerati, invece, meno efficaci.
A influenzare la scelta tra le varie procedure vi sono principalmente il valore della controversia, la previsione di un possibile giudizio e l’esigenza di non interrompere le relazioni con la controparte. In questo senso, la conciliazione si farebbe preferire quando le parti hanno intenzione di continuare a realizzare affari insieme, mentre la negoziazione diretta e il contenzioso ordinario costituirebbero la soluzione più adatta quando è in gioco una somma rilevante. Dai pareri degli interpellati emergono alcuni punti di notevole importanza. Nelle grandi aziende è sempre più sentito il bisogno di una cooperazione stretta tra il management e il settore legale. Ciò che più rileva nella scelta di una procedura alternativa è la valutazione corretta dei rischi, mentre i costi non rappresentano un fattore decisivo. Ma anche la volontà delle parti di continuare ad intrattenere rapporti commerciali ha un’importanza fondamentale.
In sostanza, l’analisi evidenzia che per ottenere un risultato finale complessivamente più redditizio occorre essere concilianti e fare delle concessioni.
Enrico Maria Caroli Tratto da “Commercial Dispute Resolution In Germany”, di Nicola Neuvians e and Michael Hammes, www.Mediate.com

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Lo Uniform Mediation Act legge anche in Ohio
Lo Uniform Mediation Act e la sua clausola di riservatezza hanno facilmente passato il vaglio del Senato dell\’Ohio, ed il Gov. Robert Taft...
Le statistiche dimostrano un crescente supporto della conciliazione in Europa
Una recente statistica effettuata tra leader dell’economia e del settore legale, indica la tendenza ad un crescente supporto della conciliazione...
Il Giappone promuove l’uso dell’ADR nel commercio
Il Giappone e gli Stati Uniti hanno stipulato un’intesa, chiamata “Iniziativa U.S.A.-Giappone per la Riforma della Regolamentazione e le...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok