+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
20 febbraio 2005

ADR: Italia avanti adagio

di Ana-Maria Fagetan
Print Friendly

Tra i paesi europei l’Italia si trova in prima linea nel campo della legislazione sulla conciliazione. Lo afferma il Rapporto del 2004 del CPR International Institute for Conflict Prevention and Resolution, citato nell’articolo “Mediation in Italy: Exploring the Contradictions” di Giuseppe De Palo e Penelope Harley, uscito sul numero di ottobre del Negotiation Journal.

A partire dal 1990 il parlamento ha approvato diverse leggi sulla conciliazione, prima fra tutte la n. 580 del 1993, che ha autorizzato le Camere di Commercio ad istituire i servizi di conciliazione. Le leggi successive hanno introdotto principi che assicurano la flessibilità  e la confidenzialità  del procedimento, garantendo alla conciliazione una base giuridica moderna.

Con il d. lgs. n.5 del 2003 e i successivi regolamenti attuativi per la creazione del Registro nazionale degli organismi di conciliazione in campo commerciale e finanziario, si sono stabilite regole puntuali che attribuiscono coerenza e rigore al procedimento conciliativo.

La situazione della conciliazione in Italia, tuttavia, non è così rosea come potrebbe sembrare. L’intensa attività  legislativa fino ad ora non ha garantito alla conciliazione un posto privilegiato nelle menti e nei cuori della comunità  giuridica. Il numero delle conciliazioni in termini assoluti negli ultimi anni è rimasto basso e sta aumentando solo lievemente. Anche nell’area commerciale vi è ancora una notevole resistenza mentale da parte degli avvocati, che non incoraggiano i loro clienti a prendere in considerazione la conciliazione come alternativa al processo. Gli uffici legali o i consulenti delle grandi imprese non consigliano di frequente l’introduzione di clausole di ADR nei contratti.

Un motivo di scetticismo tra i potenziali utilizzatori è la mancanza di una chiara e puntuale definizione della conciliazione, e la possibile confusione che spesso ne deriva con l’istituto della “mediazione”. Un progetto di legge in materia (n. 2463) è attualmente all’esame del parlamento. Il progetto mira a definire con precisione il procedimento e a stabilire regole quadro sulla flessibilità  e la volontarietà  a livello generale, sull’esempio di quanto fatto nel campo della conciliazione societaria dal d. lgs. n. 5 del 2003.

Ultimamente sembra infatti che le società  italiane abbiano iniziato più spesso a scegliere la conciliazione. In base ai dati forniti da ADR Center, la conciliazione in campo societario sta aumentando negli ultimi anni del 20% circa. Seguendo l’esperienza tedesca e francese l’Italia sta anche incentivando la formazione di specialisti nel settore.

Ana-Maria Fagetan

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Lo Uniform Mediation Act legge anche in Ohio
Lo Uniform Mediation Act e la sua clausola di riservatezza hanno facilmente passato il vaglio del Senato dell\’Ohio, ed il Gov. Robert Taft...
Le statistiche dimostrano un crescente supporto della conciliazione in Europa
Una recente statistica effettuata tra leader dell’economia e del settore legale, indica la tendenza ad un crescente supporto della conciliazione...
Il Giappone promuove l’uso dell’ADR nel commercio
Il Giappone e gli Stati Uniti hanno stipulato un’intesa, chiamata “Iniziativa U.S.A.-Giappone per la Riforma della Regolamentazione e le...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok