+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
28 novembre 2003

Un conciliatore per la distruzione del World Trade Center. In gioco 7 miliardi di dollari

di Redazione MondoADR
Print Friendly

E’ iniziato il 6 novembre, negli Stati Uniti, il lavoro di John S. Martin, un ex-giudice appena nominato conciliatore nella vicenda che contrappone Larry Silverstein, che aveva in gestione il World Trade Center nel settembre del 2001, e i rappresentanti di oltre 20 compagnie che avevano assicurato le Torri Gemelle.

Martin, che è stato nominato dal giudice titolare della causa, avrà  tempo per tentare la conciliazione fino al prossimo febbraio, quando è previsto l’inizio della discussione dibattimentale.

I legali di Silverstein sostengono che, stando ai termini sensi delle polizze assicurative, l’attacco alle Torri, costato la vita a quasi tremila persone, è consistito in due distinti “eventi”. In buona sostanza, ciascuno dei due aerei schiantatosi avrebbe causato un evento che legittimerebbe Silverstein a chiedere 7 miliardi, ossia 3,5 miliardi di dollari per ciascun evento, secondo quanto previsto dalle polizze. Le compagnie sostengono invece che l’attacco abbia rappresentato un unico evento; quindi, a Silverstein spetterebbero “solo”3,5 miliardi.

Il problema è che proprio Martin, incaricato oggi della conciliazione, nella sua precedente veste di giudice della causa in questione, aveva già  avallato in diverse istanze istruttorie la tesi delle compagnie assicurative. Per questa ragione gli avvocati di Silverstein, che sospettano anche come le compagnie non sarebbero comunque in grado di arrivare a una transazione, non hanno apprezzato la nomina di Martin a conciliatore.

La scelta di Martin come conciliatore ricorda la notissima vicenda della vertenza antitrust che contrapponeva il Governo statunitense alla Microsoft. Allora, il giudice titolare della causa assegnò dapprima al giudice Richard Posner, notissimo giurista d’oltreoceano e specialista della materia antitrust, il tentativo di conciliare la lite, che però fallì immediatamente. Solo l’intervento di Eric Green, specialista delle tecniche conciliative più che del diritto della concorrenza, portò alla risoluzione conciliata della vertenza.

Una vicenda che merita d’essere seguita, non solo per la posta in gioco, ma anche per mettere alla prova l’effettiva funzionalità  delle formule di ADR, laddove affidate a specialisti appositamente formati. Non a caso anche in Italia i diversi progetti di legge pendenti in Parlamento insistono fortemente sul requisito della formazione e della qualificazione professionale dei futuri attori della ADR.

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Uniform Mediation Act e Model Law dell’UNCITRAL a confronto
L’ADR INTERNAZIONALE Al giorno d’oggi, la conciliazione è un metodo di risoluzione delle controversie sempre più diffuso. Proprio per...
Lezioni africane per ADR Center
In collegamento satellitare dall’Italia, passando per Washington, D.C., lo scorso 15 ottobre 2003 gli esperti di ADR Center hanno discusso di...
Anche a Napoli la formazione camerale è affidata ad ADR Center
La Camera di Commercio di Napoli avvia un massiccio piano formativo in materia di conciliazione stragiudiziale, affidato agli specialisti di ADR...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok