+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
12 febbraio 2003

Le Nazioni Unite adottano una legge modello sulla conciliazione

di Redazione MondoADR
Print Friendly

In vista di una sempre maggiore esigenza di uniformità  legislativa in materia di risoluzione delle controversie, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato una nuova legge modello sulla conciliazione nel commercio internazionale che prevede procedure generali (tra cui la nomina del conciliatore) e clausole sulla riservatezza.

Adottata nel luglio 2002 dall’UNCITRAL (Commissione delle Nazioni Unite per il Commercio Internazionale) e modificabile solo tramite un accordo delle parti, tale legge costituisce una raccomandazione ufficiale delle Nazioni Unite rivolta agli Stati membri affinchè venga sostituita alle leggi nazionali in materia di conciliazione o utilizzata come riferimento per la formulazione di nuove leggi sulla conciliazione.

Questa legge modello può facilmente essere impiegata da tutti gli Stati, anche se caratterizzati da sistemi legali, sociali ed economici diversi, e può contribuire in maniera determinante allo sviluppo di relazioni commerciali armoniose. Poichè l’Assemblea non ha preso posizione sul meccanismo per rendere esecutivi gli accordi raggiunti tramite la conciliazione, la scelta sulle modalità  di enforcement è lasciata alla discrezione dei singoli Stati.

L’impiego della procedura di conciliazione dovrebbe apportare significativi vantaggi quali il mantenimento delle relazioni commerciali messe in discussione, l’agevolazione nel gestire le transazioni commerciali internazionali e il risparmio sulle spese di amministrazione della giustizia tra Stati.

La legge modello sulla conciliazione nel commercio internazionale stabilisce che:
· una procedura di conciliazione si origina da un accordo tra le parti che desiderano risolvere una controversia commerciale a livello internazionale;
· di norma, un solo conciliatore partecipa alla procedura di conciliazione, ma le parti possono richiedere l’intervento di un panel composto da due o più conciliatori;
· i conciliatori sono autorizzati a comunicare con le parti anche separatamente, e possono trasmettere informazioni provenienti da una parte verso l’altra, salvo il caso in cui una parte richieda al conciliatore di mantenere la riservatezza;
· tutte le informazioni e le comunicazioni dovranno essere confidenziali, eccetto nei casi stabiliti dalle parti, dalla legge o quando ciò sia richiesto per rendere esecutivo un accordo;
· le parti e il conciliatore coinvolti in una conciliazione regolata dalla legge modello non possono testimoniare in future procedure circa comunicazioni, dichiarazioni o proposte emerse durante la conciliazione; i tribunali e gli arbitri devono astenersi dal richiedere informazioni emerse durante una conciliazione.

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Riprende alla Camera l’esame del Disegno di legge Cola
Il giorno 30 gennaio sono ripresi in seno al Comitato ristretto della Commissione Giustizia della Camera i lavori sulla Proposta di legge n.2463...
Online la nuova edizione di Peace by Piece
Il Conflict Management Group (CMG) pubblica online la nuova edizione della sua pubblicazione Peace by Piece, dove vengono mostrati i risultati...
Gestire il contenzioso arretrato con l\’ADR
Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) si sta rivolgendo ai fornitori privati di ADR e a singoli conciliatori per risolvere...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok