+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
19 novembre 2010

La Cina apre alla mediazione

di Redazione Soluzioni ADR
Print Friendly

La Cina apre alla mediazioneLa mediazione è legge. Dopo mesi di attesa, il 28 agosto è stata approvata “The People’s Mediation Law”, ovvero la prima legge nazionale cinese in vigore dal’1 gennaio 2011. Si tratta di un provvedimento importante per il sistema giustizia cinese e per la sua gente che da tempo aspettava il riconoscimento di una procedura percepita come “nazionalpopolare”.
Uno degli aspetti forse più peculiari del sistema legale della Repubblica popolare cinese è infatti la straordinaria importanza che la mediazione riveste nella società. Oltre ad apprezzarne la velocità e il costo esiguo, i cinesi scelgono la mediazione perché percepita come estremamente “democratica”, permettendo alle parti il pieno controllo della procedura. Il processo e persino l’arbitrato sono infatti considerati come metodi che non coinvolgono abbastanza le parti, e dunque poco affidabili.
La legge introduce la mediazione come procedura legale per risolvere le controversie quotidiane e incentiva la costituzione di organismi di mediazione su tutto il territorio nazionale. Nelle province e regioni autonome, le autorità governative dovranno stanziare dei contributi finanziari per promuovere la mediazione in tutto il Paese. Per adempiere a ciò, la legge rafforza il legame tra la mediazione e le altre forme di risoluzione alternativa delle controversie. In sede di giudizio, i giudici saranno tenuti ad informare le parti prima di procedere al giudizio circa la possibilità di ricorrere alla mediazione per comporre la lite. Ma c’è di più, l’accordo di conciliazione è titolo esecutivo e può essere impugnato. Ad ogni modo il legislatore non ha introdotto un obbligo in capo alla procedura, essendo intesa come procedura volontaria.
La legge, per certi versi rivoluzionaria, dà un riconoscimento ufficiale ad una tendenza in crescita. In Cina, la gente ricorre sempre meno in tribunale, e solo per azioni legali di grande valore, così il ricorso alla mediazione è diventato molto diffuso, tanto che secondo le stime ufficiali risultano oltre 7 milioni all’anno i casi mediati. Le ragioni di fondo di questa spinta alla mediazione sono, altresì legate, a ragioni sociali ben profonde: “mentre la Cina sta vivendo una fase di profondi cambiamenti sociali ed economici, molteplici conflitti sociali stanno pure emergendo” ha detto il ministro della giustizia Wu Aiying in occasione del National People’s Congress, ed è per questa ragione che il governo ha spinto per la mediazione vista come strumento essenziale per mantenere la stabilità sociale nel Paese.

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Un modulo e-learning gratuito su un caso pratico di mediazione ai sensi del D.Lgs. 28/2010 firmato da ADR Center insieme a Il Sole 24 Ore
ADR Center presenta un caso pratico di mediazione di una controversia civile e commerciale edito da Il Sole 24 ore e accessibile gratuitamente su i...
Milly Carlucci testimonial della mediazione civile
In coincidenza con la pubblicazione del DM 180/2010, il Ministero della giustizia ha dato attuazione all’art. 20 del D.Lgs. 28/2010 che prevede...
Pubblicato il DM 180/2010 che regolamenta i criteri per gli organismi di mediazione e gli enti di formazione
Viene meno anche l’ultimo ostacolo alla completa applicazione della nuova disciplina della mediazione ai sensi del D.Lgs. 28/2010. E’ stato infatti...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok