+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
11 dicembre 2002

Il NAFTA studia un progetto sull’ADR Online

di Redazione MondoADR
Print Friendly

Un Comitato del North American Free Trade Agreement (NAFTA) sta promuovendo l’approvazione di un nuovo progetto pilota da parte dei governi degli Stati Uniti, del Messico e del Canada. Il progetto mira a valutare l’efficacia dei meccanismi di ADR online per le piccole imprese che operano nell’area commerciale liberalizzata.

Scott Donhaey, avvocato di Palo Alto e membro della Commissione NAFTA 2002 sulla Risoluzione Privata delle Dispute, ha ricordato che l’ADR online è stato già  sviluppato e testato, ma prima di poter essere impiegato nelle controversie reali ha bisogno dell’approvazione dei paesi membri.

Secondo Donahey, il progetto pilota è stato concepito per aiutare le numerose piccole e medie aziende attive nell’ambito del NAFTA a risolvere le controversie in maniera efficace, sia sul fronte dei costi che su quello del tempo. Queste imprese potrebbero non avere a disposizione le risorse per i viaggi all’estero, che sono necessari per risolvere le dispute con aziende di altri paesi. Il progetto pilota, dunque, potrebbe permettere loro di dedicarsi al commercio internazionale, perchè fornirebbe la garanzia che è disponibile localmente un sistema di ADR online, sia attraverso la propria connessione Internet, sia presso uno dei centri ADR che partecipano al progetto.

Donahey ha inoltre affermato che gli enti di risoluzione delle controversie che verranno coinvolti nel progetto pilota sono localizzati in tutti i paesi membri, e includono il Centro per l’Arbitrato Commerciale Internazionale della British Columbia, il Centro per l’Arbitrato del Quebec, l’Online Resolution, il Centro di Risoluzione delle Controversie Messico-Stati Uniti, il Centro perla Conciliazione della Camera di Commercio del Messico e l’Istituto perla Conciliazione messicano.

Il programma offrirà  servizi di negoziazione, conciliazione e arbitrato online. La commissione sta lavorando anche per istituire un ente no-profit che si occuperà  dell’amministrazione del progetto pilota. Ha già  ottenuto l’assenso dall’Online Resolution, ente statunitense che si occupa di ADR on-line, per l’utilizzo gratuito del suo sistema di risoluzione delle controversie via Internet, e per offrire il suo servizio alle imprese dell’area NAFTA.

La Commissione NAFTA 2002 è stata inoltre incaricata di amministrare l’utilizzo del sistema di soluzione privata delle controversie nell’ambito del Trattato stesso. La sua competenza copre quindi tutte le controversie private che scaturiscono dall’applicazione dell’accordo, con l’eccezione delle controversie intergovernative, delle dispute relative agli investimenti e all’anti-dumping.

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Conciliazione negli Enti locali, l’Inghilterra ci crede
SOLACE Enterprise è la Società degli Amministratori Delegati degli Enti locali inglesi, che ha promosso recentemente un servizio di risoluzione...
Nominato un conciliatore per lo sciopero dei colletti blu canadesi
Il conciliatore Pierre Gervais, già noto per aver contribuito alla soluzione di vertenze sindacali in alcune grosse aziende canadesi, è stato...
A Manitoba solo la conciliazione è la strada praticabile
Il governo della provincia canadese di Manitoba ha incaricato un conciliatore di cercare una soluzione alla controversia sorta tra la Manitoba...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok