+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
11 febbraio 2011

Confermato l’avvio del tentativo obbligatorio di mediazione. Prorogato di 12 mesi solo condominio e RC auto.

di Redazione Soluzioni ADR
Print Friendly

Decreto legislativo 28/2010Partirà come previsto il prossimo 20 marzo la mediazione obbligatoria introdotta dal decreto legislativo 28/2010 con il solo rinvio di 12 mesi delle liti condominiali e di RC auto. Nell’ambito del “milleproroghe” il Senato ha infatti approvato con voto di fiducia l’emendamento 16 decies: Il termine di cui all’articolo 24, comma 1, del decreto legislativo 28 2010, è prorogato di dodici mesi, limitatamente alle controversie in materia di condominio e del risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti

Per un ulteriore approfondimento si rinvia all’articolo di Chiara Albanese sul sito de Il Sole 24 Ore.

commenti
  1. mondoadr
    19 marzo 2011 a 21:31 | #1

    Diamo una chance alla mediazione e valutiamo serenamente e obiettivamente i risultati. Tentare un possibile rimedio e’ sempre meglio che difendere lo status quo della giustizia civile. Cordialmente, Leonardo D’Urso

  2. diego
    16 marzo 2011 a 20:00 | #2

    Ce ne accorgeremo presto quanto funesta sarà questa riforma! Giustizia privata, scuola privata, sanità privata! L’ennesima ritirata di uno Stato che si avvarrà di professionisti formati in 50 ore (ovviamente a pagamento)con l’unico requisito richiesto di una laurea triennale. Qualunque laurea triennale. E i costi per il cittadino che si troverà di fronte controparti contrattualmente forti che è lecito dubitare accetteranno (per puro scopo dilatorio) proposte del mediatore fondate su quali fonti? Si rischia una duplicazione inaccettabile delle procedure per ottenere giustizia. Non sarebbe stato più utile favorire attraverso norme ad hoc l’istituto della concicliazione giudiziale (mai veramente utilizzata nei processi)? Se il c.d. coordinato lavoro ha abolito il tentativo obbligatorio avanti le D.P.L., perchè contradditoriamente si è introdotta una mediazione obbligatoria “a casaccio” così come quella prevista nell’art. 5? Sarebbero mille le ragioni per informare l’opinione pubblica dell’irragionevolezza della normativa in questione, ma tant’è! Ce ne accorgeremo tutti molto presto!

  3. albowen
    15 marzo 2011 a 19:32 | #3

    agli entusiasti chiedo due cose: come mai se la mediazione funziona così bene quella GRATUITA in materia di lavoro è diventata facoltativa?
    Come mai è stata rinviata l’applicazione solo per le cause di condominio e sinistri (guarda caso quelle dove è più possibile la conciliazione …) e sono rimaste quelle contro le banche e le grosse imprese?

  4. Daniele
    11 marzo 2011 a 9:29 | #4

    Signori, ma state scherzando quando dite che è una svolta? Ma avete visto i costi della mediazione? Pensate che un povero impiegato che percepisce uno stipendio da fame e/o un pensionato possa sobbarcarsi i costi di una conciliaizone che, nella stragrande maggioranza dei casi, si concluderà con un nulla di fatto? La fallimentare esperienza dei tentativi di conciliazione in materia di diritto del lavoro ed in materia di telecomunicazioni avrebbero dovuto far capire l’inutilità di tale procedura, alla quale ora si aggiunge l’eccessiva esosità della stessa… E’ una vergogna, con la scusa di tentare di ridurre il contenzioso, si pone un ostacolo tra il cittadino ed il giudice, allungando i tempi per la tutela dei diritti ed imponendio ulteriori (altissimi) costi a carico del cittadino!

  5. mondoadr
    17 febbraio 2011 a 19:01 | #5

    @Domenik
    Gentile Domenik, tutti i pareri sono ben accetti. In questo sito avrà letto molti commenti di colleghi avvocati che non sono della sua opinione. Crediamo che occorre dare una chance alla mediazione per poi valutare obiettivamente i risultati raggiunti (positivi o negativi).
    Saluti.

  6. Domenik
    17 febbraio 2011 a 2:57 | #6

    ..certo che costa ed anche molto di più di un contributo unificato, per cui se fallisce il tentativo di media conciliazione, toccherà pagare anche il contributo unificato…….ancora più lacci e lacciuoli all’accesso della giustizia ed aumento dei costi ….chi scrive che hanno pesato le esigenze dei cittadini e non degli avvocati non conosce i meccanismi della giustizia….checchè se ne dica gli avvocati non proteggono la loro cosiddetta casta (250.000 avvocati!!!) ma avendo esperienza e avendo una prospettiva oltre la pubblicità della Carlucci sanno discernere cosa può essere utile per il cittadino o meno!!!

  7. mimi
    15 febbraio 2011 a 15:24 | #7

    E quali sarebbero le esigenze degli avvocati? Siete convinti che non vi costerà nulla l’accesso alla mediazione? salvo poi dover ricorrere all’assistenza tecnica anche per quella.

  8. Gianfranco
    14 febbraio 2011 a 19:40 | #8

    Finalmente hanno pensato alle esigenze dei cittadini e non degli avv.

  9. Claudia
    13 febbraio 2011 a 11:41 | #9

    Una conquista. Un segno di civiltà. Una riforma arrivata a compimento. Adesso veramente l’accesso alla giustizia sarà per tutti. Siete stati dei pionieri. Claudia

  10. Marco L.
    11 febbraio 2011 a 19:22 | #10

    Finalmente si muove qualcosa. Avete cambiato veramente un pezzo di questa povera Italia.

  11. giulio
    11 febbraio 2011 a 19:21 | #11

    Evviva! Una svolta civile di un Paese arretrato.

  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Dal Corriere Economia il richiamo al progetto di ricerca europeo firmato ADR Center
Un articolo pubblicato oggi su Corriere Economia “Mediazione La riforma? Ripassi tra un anno” menziona lo studio “I costi del mancato uso della...
Negoziazione, comunicazione e lie detection
Il 28 e 29 gennaio si è svolto a Roma un innovativo corso organizzato da ADR Center per CMS DR Academy volto a rafforzare le capacità dei...
Confederazioni imprenditoriali, ordini professionali e sistema camerale a sostegno della mediazione civile e commerciale
In un Documento congiunto, sistema delle Camere di commercio, imprese e professionisti chiedono al Governo di non rinviare la data di entrata in...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok