+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
12 febbraio 2017
Riforma della resposnabilità sanitaria

E’ legge la riforma in materia di responsabilità sanitaria. Rafforzato il tentativo obbligatorio di conciliazione

di Redazione MondoADR
Print Friendly

E’ stata approvata definitivamente alla Camera la riforma della responsabilità sanitaria – nota come “Riforma Gelli”  dal nome del suo relatore – in cui viene confermata come condizione di procedibilità l’esperimento della procedura mediazione in alternativa ad una consulenza tecnica preventiva.

L’articolo 8 della nuova legge prevede che chi intende esercitare un’azione giudiziaria in materia di resposnabilità sanitaria abbia due alternative prima di rivolgersi al giudice:

1)  espletare una consulenza tecnica preventiva ai sensi dell’art. 696 bis del cpc, ovvero;

2) depositare una istanza di mediazione presso un organismo di mediazione accreditato dal Ministero della Giustizia ai sensi dell’art. 5 comma 1bis del D.lgs. 28/10.

Il ricorso ad una delle due opzioni costituisce condizione di procedibilità della domanda di risarcimento. Tra le due alternative, è di tutta evidenza la convenienza economica del ricorso ad un organismo di mediazione rispetto all’espletamento di una consulenza tecnica preventiva.

Di seguito si riporta l’art. 8 della legge: “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”

ART. 8.
(Tentativo obbligatorio di conciliazione)

1. Chi intende esercitare un’azione innanzi al giudice civile relativa a una controversia di risarcimento del danno derivante da responsabilità sanitaria è tenuto preliminarmente a proporre ricorso ai sensi dell’articolo 696-bis del codice di procedura civile dinanzi al giudice competente.

2. La presentazione del ricorso di cui al comma 1 costituisce condizione di procedibilità della domanda di risarcimento. È fatta salva la possibilità di esperire in alternativa il procedimento di mediazione ai sensi dell’articolo 5, comma 1-bis, del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28. In tali casi non trova invece applicazione l’articolo 3 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, convertito, con modificazioni, dalla legge 10 novembre 2014, n. 162. L’improcedibilità deve essere eccepita dal convenuto, a pena di decadenza, o rilevata d’ufficio dal giudice, non oltre la prima udienza. Il giudice, ove rilevi che il procedimento di cui all’articolo 696-bis del codice di procedura civile non è stato espletato ovvero che è iniziato ma non si è concluso, assegna alle parti il termine di quindici giorni per la presentazione dinanzi a sé dell’istanza di consulenza tecnica in via preventiva ovvero di completamento del procedimento.

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Luci e ombre delle proposte della Commissione Alpa
Ad una prima lettura, le proposte di modifica al Dlgs 28/10 contenute nella relazione della Commissione Alpa presentano delle luci e delle ombre, con...
La Relazione della Commissione Alpa sulla riforma degli strumenti di ADR
Commissione di studio per l’elaborazione di ipotesi di organica disciplina e riforma degli strumenti di degiurisdizionalizzazione, con particolare...
Il testo integrale della Relazione Alpa
Commissione di studio per l’elaborazione di ipotesi di organica disciplina e riforma degli strumenti di degiurisdizionalizzazione, con particolare...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok