+39 06 36 09 37
Il portale di riferimento sulla risoluzione alternativa delle controversie
Nr. 1 Registro organismi di mediazione Ministero della Giustizia
15 ottobre 2002

Conciliazione nel diritto societario: serve più flessibilità 

di Redazione MondoADR
Print Friendly

Il 3 ottobre il Governo ha trasmesso al Parlamento due schemi di decreti legislativi di attuazione della legge-delega n. 366 del 2001 sulla riforma del diritto societario.

Il primo schema (Riforma organica della disciplina delle società  di capitali e società  cooperative, in attuazione degli articoli da 2 a 10 della delega) è stato assegnato alla Camera, alle Commissioni riunite Giustizia e Finanze, al Senato, alla Commissione Giustizia. Il secondo schema (Definizione dei procedimenti in materia di diritto societario e di intermediazione finanziaria nonchè in materia bancaria e creditizia, in attuazione dell’articolo 12 della delega) è stato assegnato: alla Commissione Giustizia, tanto alla Camera quanto al Senato.

Il termine per l’espressione dei pareri delle Commissioni scade il 6 dicembre prossimo.

Nello specifico, il secondo decreto legislativo stabilisce fra l’altro regole in materia di Arbitrato e di Conciliazione delle controversie ricadenti nel suo ambito di applicazione: rapporti societari; trasferimento delle partecipazioni sociali; patti parasociali; rapporti in materia di intermediazione mobiliare; talune materie di cui al Testo Unico bancario; credito alle opere pubbliche.

Il procedimento conciliativo, in particolare, è diretto ad attuare il criterio direttivo contenuto nell’articolo l2, comma 4, della legge-delega: “Prevedere forme di conciliazione delle controversie civili in materia societaria anche dinanzi ad organismi istituiti da enti privati, che diano garanzie di serietà  ed efficienza e che siano iscritti in un apposito registro tenuto presso il Ministero della giustizia”.

L’attuale schema normativo si presenta sostanzialmente coerente con l’impostazione di fondo della proposta di legge On. Cola n. 2463, attualmente all\’esame dell\’apposito Comitato ristretto della Commissione Giustizia della Camera dei deputati che procederà  prossimamente ad una serie di audizioni sul tema, volta a promuovere ed incentivare in linea generale il ricorso alla conciliazione stragiudiziale professionale come metodo per la risoluzione consensuale delle controversie civili vertenti sui diritti disponibili.

Dall’esame comparato dei due testi, risulta anzi che il decreto legislativo abbia pienamente accolto – ma con le due eccezioni più sotto specificate  le linee portanti della proposta Cola, in tema di organismi di conciliazione (articolo 38), di trattamento economico e tributario (articolo 39) e di procedimento di conciliazione (articolo 40).

A quest’ultimo proposito, peraltro, pare cogliersi una prima contraddizione sotto il profilo della tipizzazione del procedimento e delle sue ricadute nell’ottica del canone di accentuata riservatezza degli elementi della conciliazione, anche nella eventuale successiva sede giudiziaria, che – in linea con i migliori standards internazionalmente accettati – viene garantita dall’articolo 5 della proposta Cola e che riteniamo francamente essenziale per l’affermazione, postulata anche in sede comunitaria, della Mediation.

In secondo luogo, l’ipotesi di introdurre una procedura rigida ed analiticamente dettagliata anche per i tentativi di conciliazione attuati dagli organismi privati a ciò abilitati contrasta piuttosto radicalmente con la libertà  di procedura consentita alle società  di conciliazione dall’articolo 8 della proposta Cola a condizione che tutte le parti abbiano approvato per iscritto la procedura stessa e che, ovviamente, siano in ogni caso garantiti i principi generali dell’istituto in tema di informalità , concentrazione, oralità  e volontarietà , nonchè di requisiti etici e professionali dei conciliatori.

Di tali questioni ci faremo chiaramente interpreti in sede di Commissione Giustizia, confidando di ottenere l’inserimento di un’apposita osservazione correttiva nel parere sullo schema del decreto legislativo, in quanto è evidente che dovrà  assicurarsi coerenza fra i vari strumenti normativi utilizzati per l’adozione nel nostro Paese dell’importante strumento della conciliazione stragiudiziale.

commenti
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Articoli Consigliati
Approvata una legge modello sulla conciliazione nel commercio internazionale
Il Working Group II della Commissione delle Nazioni Unite per il Commercio Internazionale (UNCITRAL) ha approvato per consenso il testo di una legge...
Nobel per la pace a Jimmy Carter per la sua attività  di conciliazione
Il comitato norvegese ha assegnato il premio all\’ex presidente americano per il suo impegno decennale nella ricerca di soluzioni pacifiche ai...
Conflict Management Systems: ridurre drasticamente le cause ed i costi del conflitto sul luogo di lavoro
Conflict Management Systems: ridurre drasticamente le cause ed i costi del conflitto sul luogo di lavoro Cosa scopriremmo calcolando i tempi, le...
Newsletter

NON PERDERTI LE NEWS SUL MONDO
DELLA MEDIAZIONE E GIURISPRUDENZA

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le notizie in ambito giuridico e di gestione delle controversie.
Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy

Loading...
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. ok